9 febbraio 2012 / 17:28 / 6 anni fa

Borsa Milano poco mossa, spread scende ancora, euro in rialzo

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude sostanzialmente invariata una seduta in cui ha ballato il sirtaki, ovvero si è mossa al ritmo delle indiscrezioni sull‘evoluzione delle trattative tra i leader politici della Grecia e la troika chiamata ad erogare una nuova tranche di aiuti internazionali.

Dopo una partenza brillante, infatti, il listino di Milano si è andato spegnendo sulle indiscrezioni riguardanti un mancato accordo. Nel pomeriggio, però, un funzionario del governo di Atene ha rivelato che i leader politici locali avevano raggiunto un‘intesa sulle misure di austerità necessarie ad ottenere gli aiuti internazionali. Successivamente, l‘accordo è stato confermato dal primo ministro greco, Lucas Papademos, con una nota.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib ha perso lo 0,09%, mentre l‘AllShare ha guadagnato lo 0,02% e il MidCap lo 0,59%. L‘indice paneuropeo FTSEurofirst 300 chiude a +0,2%, mentre tra le borse europee Francoforte guadagna lo 0,6%, Londra lo 0,3% e Parigi lo 0,4%.

Dopo la conferenza stampa del presidente Bce Mario Draghi e dopo l‘annuncio del raggiungimento di un accordo tra leader politici greci e la Troika, il mercato obbligazionario ha visto un‘accelerazione del trend al rialzo dei prezzi.

Il rendimento del Btp decennale è sceso sotto la soglia del 5,5%, come non accadeva da inizio ottobre, fino a un minimo di 5,47%, il minimo dal 7 ottobre scorso (5,462%). Il suo livello massimo è stato raggiunto a 7,49% lo scorso 9 novembre, secondo i grafici Tradeweb.

Lo spread con il decennale tedesco si è stretto ulteriormente fino a 345 pb (346 alle 18,20), il minimo da 16 settembre scorso (344,8 pb).

L‘euro ha toccato nel pomeriggio il massimo da due mesi sul dollaro, dopo l‘accordo tra i leader politici greci sulle riforme per evitare il default e dopo le parole di Mario Draghi, che ha riscontrato un provvisorio miglioramento nell‘economia dell‘eurozona.

Alle 18,10 italiane la moneta unica si aggira in area 1,33 dollari, dopo aver toccato anche quota 1,3321. Ieri l‘euro aveva chiuso a 1,3259.

Anche il greggio accentua il rialzo nel pomeriggio, con il Brent che ha esteso i guadagni della mattina. Intorno alle 18,20 italiane il Brent sale di 1,08 dollari a 118,28 dollari al barile, mentre il futures sul greggio Usa avanza di 1,27 centesimi a 99,98.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below