February 8, 2012 / 12:42 PM / 6 years ago

Borsa Milano positiva,spread con Germania 362 pb,con Spagna 24pb

MILANO (Reuters) - Piazza Affari torna sui livelli di oltre tre mesi fa, grazie ad una seduta piuttosto brillante, frutto soprattutto dell’attesa di un esito positivo delle trattative sulla ristrutturazione del debito greco.

L'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo

Ne hanno beneficiato le banche, che stanno correndo ininterrottamente dall’asta di pronti contro termine della Bce, mentre alcuni titoli industriali si sono giovati di vicende contingenti.

L’indebolimento di Wall Street, dopo una partenza positiva, però, ha provocato una frenata nel finale delle borse europee.

In chiusura, l’indice FTSE Mib ha guadagnato l’1,08%, portandosi sopra quota 16.800 punti (16.669,22 punti l’ultimo prezzo, 16.838,40 il massimo intraday), soglia che non veniva toccata dal 28 ottobre scorso. L’AllShare è salito dello 0,9% e il MidCap dello 0,68%. Il FTSEurofirst 300 chiude a -0,2%, mentre tra le borse europee Francoforte perde lo 0,1%, Parigi è invariata e Londra perde lo 0,3%.

La borsa Usa vira in negativo in attesa dell’esito degli ultimi tentativi della Grecia di trovare un accordo sulle riforme in cambio di un nuovo pacchetto di salvataggio.

Intorno alle 18,15 italiane il Dow Jones cede lo 0,26%, lo Standard & Poor’s 500 lo 0,17% e il Nasdaq Composite lo 0,14%. ` Il mercato obbligazionario italiano chiude su valori in leggero rialzo, una seduta con qualche volatilità ma ben impostato, con i dealer che dicono di aver visto buoni acquisti anche dall’estero.

Il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a 10 anni, che stamane si era stretto fino a 350 punti base, il minimo dall’11 ottobre scorso, in chiusura dopo un po’ di altalena è a 362 punti base in linea con i 365 punti base della chiusura di ieri. Lo spread Italia/Spagna è sceso sotto quota 30 pb per la prima volta dalla fine di novembre e ha toccato un minimo a 24 pb.

L’euro, nel pomeriggio, riduce il rialzo sul dollaro, malgrado l’ottimismo sulla situazione greca, dopo che una fonte governativa italiana ha detto a Reuters che nel quarto trimestre il Pil italiano ha segnato un’altra contrazione, probabilmente peggiore di quella registrata nel terzo trimestre, sancendo così l’entrata dell’Italia in recessione tecnica.

Alle 18 italiane la moneta unica vale 1,3260 dollari, in linea con la chiusura di ieri a 1,3259.

Brent e futures sul greggio Usa hanno ridotto il loro rialzo nel pomeriggio europeo, in una giornata in cui il Brent è variato da 115,90 dollari al barile fino a toccare anche i 116,97 dollari e il futures sul greggio Usa ha toccato sia i 98,31 dollari che i 100,09.

Alle 18,10 italiane Il Brent sale di 19 centesimi a 116,42 dollari al barile, mentre il futures sul greggio Usa avanza di 9 centesimi a 98,50 dollari.

— Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below