3 febbraio 2012 / 08:23 / tra 6 anni

Borsa Milano prosegue in lieve rialzo, bene banche, giù Fiat

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prosegue poco mossa, senza grandi indicazioni. La seduta risente da un lato della mancata chiusura del negoziato sulla ristrutturazione del debito greco e dall‘altro delle attese del dato sull‘occupazione negli Stati Uniti nel primo pomeriggio.

<p>Operatori alla borsa di Francoforte . REUTERS/Alex Domanski</p>

“Per ora non ci sono grandi variazioni. Vediamo nel corso della giornata”, si limita a dire un trader.

Intorno alle 11,30 l‘indice FTSE Mib sale dello 0,24%, così come il FTSE Allshare.

In Europa l‘indice FTSEurofirst sale dello 0,33%

Positive le banche, positive in tutta Europa, con l‘eccezione di Mps che perde l‘1,20%, sopra i minimi, penalizzata dall‘avvertimento di Moody’s che ha messo sotto osservazione per un possibile downgrade i rating debito e deposito Baa1/Prime-2 così come il rating sulla forza finanziaria standalone D+ della banca. In denaro BANCO POPOLARE (+5,2%), mentre le big INTESA SP e UNICREDIT salgono di oltre l‘1%.

Debole anche il settore dell‘energia, In particolare la galassia ENI che perde lo 0,8%, mentre la controllante SNAM arretra del 2,6%. Il settore oil&Gas europeo cede lo 0,3%. Ieri l‘Autorità dell‘Energia ha detto che Eni deve scendere sotto la soglia del 20% in Snam affinché la separazione sia conforme alla Ue.

Pesante FIAT che perde oltre il 3% in controtrend rispetto al settore europeo dell‘auto che è positivo. Il titolo risente di prese di beneficio dopo il rialzo segnato mercoledì sull‘annuncio di previsioni 2012 più forti delle attese, con gli analisti positivi sul titolo. I trader parlano però ancora di cautela a causa dei timori che la crisi della zona euro possa aggravarsi e portare un ulteriore rallentamento dell‘economia, soprattutto in Europa.

Sugli scudi Unipol insieme anche a Fonsai e Milano, le tre compagnie che si fonderanno insieme a Premafin per dare vita al maxi polo assicurativo. Unipol sale di oltre il 10% a 0,22 euro, Fonsai, sospesa al rialzo, segna un balzo teorico del 15,7%. Negativa invece la controllante di Fonsai, Premafin che perde il 5%, mentre Milano sale del 7,6% a 0,27 euro. In un‘intervista a La Repubblica, il presidente di Finsoe, Marco Pedroni, ha detto che le imprese cooperative prevedono di destinare 300-350 milioni per l‘aumento di capitale di Unipol nel quadro dell‘integrazione a quattro Unipol, Premafin, Fonsai e Milano assicurazioni. Finsoe dispone di risorse proprie fino a 500 milioni.

“L‘ok del principale socio di Unipol alla ricapitalizzazione della società è un segnale che l‘operazione potrà partire. Evidentemente il mercato guarda più che all‘aumento di capitale alle sinergie che questa operazione comporterà”, osserva un trader.

Fra i minori, svetta la JUVENTUS, sospesa al rialzo con un teorico +11% sul rafforzamento delle probabilitò di vincere il campionato alla luce anche della sconfitta del Milan contro la Lazio due giorni fa.

Si allentano gli acquisti su BENETTON che oggi cede l‘1,9% a 4,65 euro dopo l‘exploit di ieri dopo l‘annuncio del prezzo dell‘opa volontaria a 4,6 euro da parte della controllante.

(Giancarlo Navach)

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129518, Reuters messaging: giancarlo.navach.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below