24 gennaio 2012 / 07:08 / tra 6 anni

Borse Europa, indici in calo su stallo Grecia, giù Siemens,Nokia

MILANO (Reuters) - Borse europee in calo nella mattina, dopo il massimo da quasi sei mesi toccato ieri, sui timori legati all‘ipotesi di un default disordinato di Atene dopo che le trattative sulla ristrutturazione debito greco si sono arenate per l‘ennesima volta.

<p>Un trader al lavoro alla borsa di Francoforte. REUTERS/Alex Domanski</p>

Sull‘umore del mercato pesano anche i deboli risultati di Siemens e KPN.

I ministri delle Finanze della zona euro hanno respinto ieri un‘offerta dei creditori privati della Grecia e se non sarà trovata una soluzione entro marzo, quando Atene dovrà ripagare 14,5 miliardi di debito in scadenza, il paese potrebbe andare in default.

“Le scadenze sul debito greco incombono e la situazione deve essere risolta. Siamo preoccupati per i gruppi finanziari che ancora devono raccogliere capitale”, dice Andrea Williams, che gestisce 2,1 miliardi di asset per Royal London Asset Management. “Ci sono sufficienti elementi negativi per tenere sotto pressione il mercato, i numeri di Siemens non sono un gran che e saranno motivo di preoccupazione per gli altri industriali; poi KPN ha abbassato le stime”, conclude Williams.

Intorno alle 10,20 il FTSEurofirst 300 scende dello 0,6% dopo aver chiuso ieri sui massimi da inizio agosto. Tra le singole piazze, Francoforte è in calo dello 0,53%, Parigi dello 0,62% e Londra dello 0,47%.

Tra i titoli in evidenza:

* Siemens perde il 3,7% dopo aver annunciato questa mattina un calo del 23% dell‘utile operativo trimestrale delle sue attività principali, deludendo le attese degli analisti che avevano previsto un lieve incremento.

* La società di tlc olandese KPN cede circa il 6% - sopra i minimi d‘avvio - dopo il taglio delle stime sull‘Ebitda 2012 e la rinuncia al piano di buyback.

* Perde quasi il 5% Nokia dopo notizie poco rassicuranti giunte dai fornitori Texas Instruments, ST-Micro e ST-Ericsson. Texas in particolare, che pure ha annunciato risultati sopra le attese, ha previsto un calo dei ricavi per il settore che riguarda direttamente Nokia.

* Crolla la svizzera Petroplus (-83%), specializzata nel settore della raffinazione, prossima al default dopo che i creditori hanno chiesto il pagamento del debito in scadenza.

* Q-Cells cede il 14%; la società attiva nell‘energia solare ha detto di voler ristrutturare due dei suoi bond convertibili attraverso uno swap debito per azioni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below