9 gennaio 2012 / 17:03 / 6 anni fa

Borsa Milano chiude in calo, pesanti Mps e Mediobanca, giù Fiat

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia un‘altra seduta con il segno meno, conseguenza soprattutto della caduta di UniCredit.

<p>Un'immagine dell'ingresso della Borsa di Milano. REUTERS/Alessandro Garofalo</p>

Giornata nervosa, con ripetute oscillazioni, accentuate dall‘entità modesta degli scambi.

Gli operatori sottolineano che la volatilità scoraggia gli acquisti, sebbene vi sia una convinzione generalizzata che le quotazioni dell‘equity europeo siano attraenti. In una breve nota dedicata alla strategia di investimento, Nomura dice di trovare particolarmente interessanti i titoli ‘value’, che “trattano con uno sconto significativo”, soprattutto se si guarda ai settori dei beni di largo consumo ciclici, dell‘energia e tecnologico.

L‘indice FTSE Mib ha perso l‘1,67%, l‘AllShare l‘1,87% e il MidCap il 2,21%.

Volumi per un controvalore di circa 1,4 miliardi di euro.

* Nel primo giorno dell‘aumento di capitale da 7,5 miliardi, UNICREDIT ha lasciato sul terreno il 12,81%. Il diritto è caduto del 65,42%.

* MONTEPASCHI - che, secondo le attese, dovrebbe presto seguire l‘esempio di Piazza Cordusio - è arretrato del 14,39%]. Il direttore finanziario dell‘istituto senese, Marco Massacesi, ha detto a Reuters che un prossimo Cda esaminerà prima del 20 gennaio una serie di iniziative per rafforzare il capitale, evitando un aumento di capitale .

* Pesante MEDIOBANCA: -6,87%. In scia BANCO POPOLARE (-5,36%), POPOLARE MILANO (-3,25%), INTESA SANPAOLO (-3,17%) e UBI (-3,01%).

* Debole FIAT: -6,23%. Parlando dagli Stati Uniti, l‘AD Sergio Marchionne ha dichiarato che il mercato europeo quest‘anno non sarà migliore del 2011 [ID:nL6E8C936W]. Secondo una breve nota di Natixis, che cita le stime di LMC Automotive, a dicembre le immatricolazioni di auto in Europa occidentale sono scese del 4,3%. Limitano i danni EXOR (-3,11%) e FIAT INDUSTRIAL (-2,44%). Nel settore dell‘automotive, PIRELLI -0,15%.

* Non si arresta, all‘interno della galassia Ligresti, la corsa di PREMAFIN (+6,71%), sull‘attesa dell‘ingresso di un nuovo socio. A picco, invece, FONDIARIA-SAI (-7,32%) e MILANO ASSICURAZIONI (-7,16%). Pesante UNIPOL (-14,26%), che ha ufficializzato la volontà di avere un ruolo nella partita del riassetto del gruppo Ligresti.

* TERNA è salita dello 0,9%: la società ha detto di stimare che, sulla base delle nuove tariffe, quest‘anno incasserà circa 1,63 miliardi.

* Tra le utilities, bene SNAM (+0,36%).

* In denaro alcuni dei titoli maggiormente penalizzati nel 2011: DIASORIN +3,83%, MEDIOLANUM +0,94%, LUXOTTICA +1,24%, ANSALDO STS invariata, FINMECCANICA +0,51%, TELECOM ITALIA invariata e CAMPARI +1,05%.

* Nel comparto petrolifero, vivace SAIPEM (+2%). Più caute ENI (-0,55%) e TENARIS (-1,51%).

* PRYSMIAN meglio del mercato (-0,51%): Equita ha pubblicato un report in cui conferma il rating ‘buy’ e il target price di 16 euro. Nel documento, il broker scrive che il gruppo guidato da Valerio Battista “è un player di qualità, che ha i margini più elevati nell‘industria e una posizione di leadership - ulteriormente rafforzata dall‘acquisizione di Draka - nei segmenti con il maggiore valore aggiunto”.

* Tra le small e mid cap, la JUVENTUS non beneficia della vittoria per 1 a 0 sul campo del Lecce, che si è tradotta nel mantenimento della prima posizione nella classifica del campionato di calcio di Serie A, lasciando sul terreno il 12,4%. Secondo l‘interpretazione di un trader, la caduta è dovuta soprattutto a ragioni tecniche legate all‘approssimarsi della chiusura dell‘aumento di capitale. Il diritto ha perso il 48,72%.

* Oggetto di un‘analisi di un settimanale nel week-end scorso, MARR è avanzata del 2,31%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below