14 dicembre 2011 / 12:37 / tra 6 anni

Manovra, Ue: doppia tassazione su immobili estero da contrastare

ROMA (Reuters) - La Commissione europea ha oggi avvisato che la doppia tassazione imposta ai cittadini europei per beni posseduti in diversi paesi membri “è un problema serio che intendiamo constrastare”.

Emer Traynor, portavoce del commissario Ue al fisco Algirdas Semeta, ha sottolineato che “gli Stati decidono autonomamente come tassare le proprietà, ma ci sono regole Ue da seguire”, e in particolar modo le tasse non devono essere doppie o discriminatorie.

La portavoce rispondeva ad una domanda sulla compatibilità con le norme Ue della tassa sugli immobili detenuti all‘estero dagli italiani che il governo Monti ha deciso di introdurre ieri nella revisione della manovra.

Traynor non parlava speficamente del caso italiano e si è riservata di commentare sull‘argomento in un secondo momento, ma ha ribadito che “la doppia tassazione è causa di seri problemi”.

L‘emendamento alla manovra presentato ieri dal governo prevede una tassazione dello 0,76% sul valore degli immobili detenuti all‘estero, che si va a sommare a quella già prevista dai singoli paesi nei quali si trova l‘immobile.

-- Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below