December 8, 2011 / 2:19 PM / 7 years ago

Bce taglia tassi e introduce nuove misure liquidità

FRANCOFORTE (Reuters) - La Bce ha introdotto nuove misure di sostengo della liquidità annunciando due nuove operazioni di finanziamento del settore bancario a 36 mesi con modalità a rubinetto che andranno a rimpiazzare il pronti contro termine a 12 mesi già annunciato.

Il presidente della Bce Mario Draghi. REUTERS/Alex Domanski (GERMANY - Tags: BUSINESS)

Lo ha dichiarato il presidente della Bce Mario Draghi nella conferenza stampa seguita alla riunione odierna del direttivo della banca centrale che - in linea con le attese del mercato - ha deciso un taglio di 25 punti base dei tassi di interesse.

Draghi ha inoltre annunciato che la Bce procederà ad un rilassamento delle condizioni sui collaterali per la partecipazione alle operazioni di rifinanziamento, accettando ad esempio alcune tipologie di prestiti bancari e abs con requisiti minimi di rating. Deciso anche il taglio all’1% dal 2% del coefficiente di riserva bancaria.

Sul fronte macro, Draghi ha specificato che “l’intensificazione delle tensioni di mercato continua a deprimere l’attività economica nell’area euro” con un outlook che “rimane soggetto ad elevata incertezza e a sostanziali rischi al ribasso”.

“L’evidenza dei dati economici indica una crescita più debole nel quarto trimestre. Allo stesso tempo ci aspettiamo che l’attività economica nella zona euro si riprenda nel corso del prossimo anno” ha affermato Draghi.

L’inflazione, secondo il numero uno della Banca centrale “rimarrà probabilmente sopra il 2% per diversi mesi ancora” mentre “al momento non viene visto un’elevata probabilità di deflazione”.

Draghi ha poi definito molto incoraggianti le misure di austerità adottate dell’Italia, aggiungendo tuttavia che altri provvedimenti dovranno seguire.

TASSI ZONA EURO DI NUOVO A MINIMO STORICO

La Bce ha dunque riportato il costo del denaro nei 17 paesi dell’Unione monetaria al minimo storico dell’1%, dall’1,25% raggiunto a seguito del taglio di 25 punti base del mese scorso. Una decisione che tuttavia - come ha spiegato Draghi - non è stata unanime, anzi presa a seguito di una discussione “animata” sulla tempistica dell’intervento.

Il numero uno della Bce ha inoltre detto in conferenza che l’ipotesi di un taglio dei tassi più ampio, di 50 punti base, non è stata presa in considerazione.

Scendono di 25 punti base anche i tassi sui depositi e i prestiti overnight, rispettivamente all 0,25% e all’1,75%.

L’ultimo sondaggio Reuters, concluso la scorsa settimana su un campione di 73 economisti, attribuiva per oggi una probabilità del 60% alla riduzione del costo del denaro di 25 punti base, con un piccola probabilità, il 4%, attribuita invece ad un taglio più ampio, di 50 pb. Il sondaggio indicava inoltre che il tasso di riferimento si manterrà su tale livello almeno fino alle fine del 2013.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below