7 dicembre 2011 / 10:10 / tra 6 anni

Borsa Milano pesante su allargamento spread, male FonSai

MILANO (Reuters) - Piazza Affari torna a tingersi di rosso, muovendosi in sintonia con l‘allargamento dello spread fra i rendimenti dei titoli di Stato decennali italiano e tedesco.

Partito in rialzo, il listino di Milano ha perso progressivamente slancio, affossato dal pessimismo sull‘esito del vertice Ue di venerdì prossimo, chiamato a varare misure per risolvere la crisi del debito nella zona euro.

Lo spread è tornato ben sopra quota 400 punti base (dopo un minimo di seduta a 368 pb) e l‘azionario si è mosso in direzione opposta.

Si conferma l‘elevato tasso di volatilità che caratterizza questa fase delle borse. In un report dedicato alla strategia azionaria in Europa, Hsbc scrive che la volatilità comporta che “gli investitori che guardano ai valori relativi devono puntare a determinare beta pari a zero nelle strategie attive”, riscoprendo l‘alfa che, secondo il broker, “continua ad esserci, ma è stato sommerso dalla volatilità”.

Gli analisti consultati da Reuters considerano probabile che domani la Bce annunci un taglio di 25 punti base del costo del denaro, non sono esclusi poi altri provvedimenti non convenzionali per far fronte alle difficoltà della zona euro. [ID:nL5E7N62SV]

Nel giorno di Sant‘Ambrogio, patrono della città di Milano, e alla viglia della festività dell‘8 dicembre, volumi tutt‘altro che sottili, per un controvalore di circa 1,75 milardi.

In chiusura, l‘indice Ftse Mib ha perso l‘1,24%, tornando intraday sotto quota 15.500 punti (15.650,93 punti la chiusura, 15.416,51 punti il minimo). L‘AllShare è sceso dell‘1,13% e il MidCap dell‘1,21%.

L‘indice europeo FTSEurofirst ha ceduto lo 0,13%.

* Male le principali banche, che, come di consueto, scandiscono il ritmo della seduta. Secondo diversi operatori, da settimane è in corso una gigantesca operazione di riduzione dei livelli di esposizione al rischio da parte degli istituti europei, che grava come un macigno sui mercati azionari. In un report di Morgan Stanley, dedicato all‘outlook 2012, si legge che “il deleveraging resta il tema chiave”. Il broker stima un rischio deleveraging, per le banche europee, fino a 3.000 miliardi di euro nell‘arco dei prossimi due anni, dato destinato a lievitare fino a 4.000-4.500 miliardi in un orizzonte di 5-6 anni. A Milano, MONTEPASCHI, reduce da diverse sedute positive, ha perso il 5,66%. Male INTESA SANPAOLO (-2,77%) e UNICREDIT (-2,42%). In controtendenza UBI (+4,14%), POPOLARE MILANO (+1,53%) e BANCA POPOLARE EMILIA ROMAGNA (+1,32%) .

* FONDIARIA SAI a picco (-5,82%), penalizzata, secondo l‘interpretazione dei trader, dall‘annuncio che lascerà il FTSE Mib a partire dal prossimo 19 dicembre, sostituita da FERRAGAMO (+3,54%).

* Dopo aver tentato un timido rimbalzo nella prima parte della seduta, l‘automotive ha cambiato direzione nel pomeriggio. FIAT ha lasciato sul terreno il 2,45%, FIAT INDUSTRIAL lo 0,81% ed EXOR l‘1,76%. In linea PIRELLI: -1,38%.

* Restando all‘automotive, gettando uno sguardo fuori dal paniere principale, in volo LANDI RENZO (+18,92%): secondo l‘interpretazione di un dealer, la società, specializzata in impianti per alimentare le auto a gpl e a metano, ”beneficia dell‘aspettativa di un incremento della domanda in Italia di auto a gas, in seguito al rincaro delle accise su benzina e gasolio decisi dal governo Monti. Riscoperta PININFARINA: +6,71%.

* Discorso a parte per PIAGGIO: -4,44%. S&P ha pubblicato un report sul produttore di motocicli, in cui si legge che “la domanda di veicoli a due ruote in Italia e nell‘Europa occidentale continuerà ad essere debole” nei prossimi trimestri. Nel ricordare che l‘outlook su Piaggio è negativo, S&P sottolinea che il gruppo di Pontedera potrebbe incontrare difficoltà a rinegoziare il debito in scadenza, come fatto in passato. L‘agenzia prevede che Piaggio rinegozierà almeno 100 milioni di euro delle linee di credito revolving entro la fine di gennaio 2012, su un totale di 170 milioni in scadenza tra 2011 e 2012; se ciò non accadesse, S&P potrebbe tagliare il rating.

* Tornando al paniere principale, ribassi generalizzati. Tra i peggiori, ANSALDO STS (-4,51%): con una nota, FINMECCANICA (-1,83%) ha smentito le voci su un progetto di fusione tra la partecipata attiva nel segnalamento ferroviario e Ansaldo Breda.

* Pesanti AUTOGRILL (-3,53%), LOTTOMATICA (-2,88%), MEDIASET (-1,51%) e GENERALI (-2,44%).

* Tra le mid cap, POLTRONA FRAU è avanzata del 4,52%. In una nota, la società ha detto di aspettarsi “una crescita del fatturato del residenziale a doppia cifra negli Stati Uniti per il 2011 e 2012 e un significativo aumento della market share”.

* Al galoppo CELL THERAPEUTICS: +18,92%. Con un comunicato pubblicato in mattinata [ID:nBIA076f6], la società biotecnologica ha annunciato che i risultati finali di uno studio su tosedostat in pazienti anziani con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria sono stati selezionati per la presentazione orale al meeting annuale 2011 dell‘American Society of Hematology (Ash), che si terrà dal 10 al 13 dicembre prossimi, a San Diego, in California.

* Brillante SADI (+8,28%): secondo quanto riferisce un operatore, un broker italiano ha pubblicato un report positivo sulle prospettive del gruppo che opera nella gestione integrata del ciclo dei rifiuti industriali e del settore delle bonifiche ambientali.

* Dopo non aver fatto prezzo ieri, CAPE LIVE ha messo a segno un balzo del 50%: l‘altro giorno, il Cda ha approvato il ricorso al concordato preventivo in continuità.

* Volo per COGEME SET (+37,86%), altra società in difficoltà.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129709, Reuters messaging: massimo.gaia.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

** AZIONARIO ITALIANO ** I prezzi delle azioni trattate sul mercato telematico italiano possono essere visualizzati con un doppio click sui seguenti codici ........

Market statistics................................ 20 maggiori rialzi (in percentuale).............. 20 maggiori ribassi (in percentuale).............

Indice FTSE IT Allshare Indice FTSE Mib....... Indice FTSE Italia Star Indice FTSE Italia Mid Cap... Indice FTSE Italia Small Cap Indice FTSE Italia Micro Cap. Guida per azionario Italia....

** DERIVATI DI BORSA ** Futures su FTSE Mib.......... Mini FTSE Mib................. Guida a futures e opzioni.... Guida a opzioni..............

** BORSE EUROPEE ** Commento su titoli europei ........[.EU] Speed guide borse europee.......... Indici pan europei ........ Dati analitici paneuropei... Indice FTSEurofirst 300.......... Indice Stoxx..................... Indice Eurostoxx................. Maggiori rialzi/ribassi settori Stoxx ........ Maggiori rialzi/ribassi settori Eurostoxx..... 10 maggiori rialzi/ribassi titoli Stoxx....... 10 maggiori rialzi/ribassi titoli Euro Stoxx.. 25 maggiori rialzi europei......... 25 maggiori ribassi europei........ 25 titoli più attivi in valore ....

Guida a informazioni Reuters ....... Guida a azionario .................. Chain degli indici italiani

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below