December 6, 2011 / 5:04 PM / in 6 years

Autorità di vigilanza europea Esma indaga su agenzie rating

BRUXELLES (Reuters) - L’autorità di vigilanza europea sui mercati Esma ha dichiarato di aver avviato delle indagini sulle agenzie di rating per verificare le modalità di classificazione dei bond sovrani e di altre obbligazioni, e potrebbe imporre sanzioni pesanti nel caso dovessero emergere irregolarità.

Funzionari dell’Esma hanno ispezionato le sedi delle tre agenzie principali - Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch - così come quelle delle realtà più piccole. Le ispezioni sono cominciate all’inizio del mese scorso e proseguiranno a dicembre.

L’attività ispettiva assume un’accresciuta importanza alla luce della decisione di Standard & Poor’s di mettere 15 paesi della zona euro in credit watch negativo. Una mossa senza precedenti che ha scosso i mercati alla vigilia del Consiglio europeo di venerdì prossimo, in cui i leader europei cercheranno di mettere a punto una soluzione complessiva alla crisi del debito.

“Pubblicheremo un report sulle risultanze delle nostre prime ispezioni nelle sedi delle agenzie di rating” ha detto oggi il portavoce dell’Esma, aggiungendo che questo avverrà al più tardi in aprile.

“I nostri ispettori stanno esaminando le modalità con cui le agenzie di rating svolgono il loro lavoro. Se venissero riscontrate delle irregolarità, Esma ha i poteri di multare le agenzie, sospendere i loro rating e potremmo ritirare loro la licenza” ha sottolineato.

L’autorità di vigilanza europea sui mercati, di base a Parigi, è stata incaricata quest’anno del ruolo di supervisore guida per le agenzie di rating in Europa e la verifica rappresenta una prima azione regolativa nei confronti di un settore che fino a questo momento non ha mai visto mettere in questione le proprie decisioni.

“Non facciamo commenti sulle nostre interazioni confidenziali con le autorità di vigilanza” ha detto un portavoce di Standard & Poor’s.

Per portare avanti l’attività ispettiva, l’autorità di vigilanza ha la possibilità di richiedere la documentazione che dimostra come l’agenzia sia arrivata alla decisione di declassare il merito di credito di un Paese, per esempio.

Sebbene l’Esma non abbia il potere di mettere in dubbio decisione specifiche, come un downgrade, potrebbe punire un’agenzia di rating se emergessero delle falle nelle modalità di lavoro.

“Devono provare di avere una procedura di rating solida, di evitare conflitti d’interesse e di avere regole interne appropriate” ha evidenziato il portavoce di Esma.

“Non stiamo verificando ogni singola decisione sul rating. Il compito di Esma è di assicurare il rispetto delle regole da prte delle agenzie di rating” ha concluso.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below