9 novembre 2011 / 16:09 / tra 6 anni

Borsa Usa pesante su crisi debito Italia, male finanziari

NEW YORK (Reuters) - Gli indici di Wall Street proseguono in deciso ribasso, risentendo dei timori, alimentati dall‘andamento dei titoli di stato italiani, che la crisi del debito nella zona euro si stia ulteriormente propagando.

Il rendimento del Btp decennale ha toccato un picco del 7,502%, nuovo massimo dall‘introduzione dell‘euro. La promessa di Silvio Berlusconi di dimettersi dopo l‘approvazione delle misure di austerità, richieste dai partner europei, non ha rassicurato i mercati.

L‘Italia ha rimpiazzato la Grecia come cuore della crisi del debito e sembra vicina a richiedere un intervento d‘emergenza.

Ne risentono soprattutto i titoli finanziari: Morgan Stanley cede oltre il 6% e Bank of America il 3% circa.

Pesante General Motors (-8% circa) dopo aver annunciato, in occasione della pubblicazione dei risultati del terzo trimestre, che non centrerà l‘obiettivo del breakeven in Europa nel 2011, a causa del deterioramento del mercato.

Tra le società che hanno comunicato i risultati trimestrali, Dean Foods lascia sul terreno oltre il 5%.

Adobe Systems cede oltre il 7% dopo aver interrotto lo sviluppo del Flash Player per apparecchi mobili, di fatto arrendendosi alla superiorità di Apple negli standard del Web in mobilità.

Attorno alle 19 italiane, il Dow Jones perde l‘1,95%, lo S&P 500 il 2,2% e il Nasdaq il 2,25%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below