28 ottobre 2011 / 15:39 / 6 anni fa

Btp chiudono in calo, bruschi balzi spread, pesano notizie Efsf

MILANO (Reuters) - Il secondario italiano chiude in calo una seduta che ha registrato un trend inverso a quella di ieri, con un allargamento degli spread e un calo dei titoli di riferimento. Il differenziale fra i decennali di riferimento italiano e tedesco ha registrato oggi un‘oscillazione fra un minimo a 362 e un massimo di 385 punti base.

<p>Stretta di mano a Bruxelles il 26 ottobre tra il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il cancelliere tedesco Angela Merkel. REUTERS/Yves Herman</p>

Sulla curva, secondo gli operatori, hanno pesato le aste e le notizie relative all‘Efsf diffuse in giornata.

“Lo spread ha visto ampie oscillazioni con una sostanziale risalita dai livelli di ieri. E’ un movimento che si è registrato dopo le aste in concomitanza con la notizia che la Corte costituzionale tedesca ha sospeso il comitato che dovrebbe assumere le decisioni del debito della zona euro” dice un trader.

La Corte costituzionale ha infatti temporaneamente sospeso la facoltà di una comitato parlamentare speciale - in sostituzione del Bundestag - di assumere decisioni su questioni urgenti riguardanti i pacchetti a sostegno di di Paesi della zona euro. La sottoscrizione di titoli di Stato della zona euro sul mercato secondario da parte del fondo salva-Stati Efse sarà di fatto impossibile fino al verdetto finale sulla legittimità del comitato.

“Sono i paesi cosiddetti ‘semiperiferici’ quelli che risentono di più di questa scelta, gli stessi che avevano beneficiato dell‘ottimismo del dopo accordo europeo, vale a dire Italia, Spagna e Beglio” dice ancora il trader. “E’ una scelta che rappresenta un punto negativo per la tempistica dell‘attuazione del ‘leveraggio’ dell‘Efsf”.

Secondo alcuni analisti comunque il movimento di oggi è una reazione tecnica a quello di ieri e a flussi di per sé non indicativi.

“Sono reazioni di natura tecnica ai flussi. Ieri gli spread hanno ristretto marcatamente come oggi stanno allargando. Come ieri è stata eccessiva la celebrazione del calo dello spread, così oggi questo allargamento non è da considerare particolarmente significativo” dice Matteo Regesta, strategist di Bnp Paribas.

Hanno registrato un andamento discreto le aste di stamane in termini di ‘pricing’ e di domanda, con un collocamento sulla parte alta della forchetta. In linea generale l‘esito non sembra destare preoccupazione, anche il decennale è stato collocato a un tasso ai massimi.

“Le aste hanno mostrato un risultato discreto e che comunque non desta preoccupazioni. I prezzi sono discreti, il mercato primario si è adeguato al mercato secondario che, in generale, è sotto pressione. Il risultato non offre motivo di particolare ottimismo, come i mercati sembravano esprimere dopo il summit di mercoledì, ma nemmeno è un risultato preoccupante: siamo in una sorta di limbo” sintetizza Regesta.

Il Tesoro ha collocato 7,935 miliardi di euro di quattro titoli a medio-lungo, di cui due non più in corso di emissione, con un ammontare totale nella parte più alta della forchetta di offerta, compresa tra 5,25 e 8,5 e miliardi. I rendimenti sono risultati in deciso rialzo e quello del Btp decennale è salito oltre la soglia chiave del 6%, segnando il massimo storico dall‘introduzione dell‘euro.

“I rialzi del rendimento in asta (rispetto all‘ultima asta) non sono legati all‘asta in sé ma riflettono il movimento dei rendimenti di mercato nell‘ultimo mese” dice Giuseppe Maraffino di Barclays Capital.

“I rendimenti sono saliti, ma sia per il titolo a tre anni sia per il dieci anni sono risultati inferiori ai livelli visti sul mercato poco prima dell‘asta” commenta invece Alessandro Giansanti di Ing.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below