27 ottobre 2011 / 07:34 / tra 6 anni

Borsa Milano euforica, volano finanziari e industriali ciclici

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia una seduta in netto rialzo, conseguenza dell‘accordo dei leader della zona euro, raggiunto ieri, sulle misure per affrontare la crisi del debito.

<p>L'ingresso di Borsa Italiana a Milano, in una foto d'archivio. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

Innumerevoli i commenti di analisti e broker sulle decisioni adottate a Bruxelles. In un report dedicato al tema, Citi scrive che, ”sebbene il pacchetto di misure copra diverse aree per rispondere alla crisi del debito sovrano, vari dettagli sono stati lasciati fuori dalla soluzione e potrebbero rappresentare ostacoli sostanziali più avanti“. Secondo Citi, ”le misure sulla Grecia difficilmente riporteranno il paese su un percorso di bilancio sostenibile“. Insomma, ”il pacchetto è un passo nella giusta direzione“, ma Citi non si attende che ”tranquillizzi i mercati in modo permanente“. Nel documento si legge che, probabilmente, in una seconda fase, la Bce adotterà un ruolo più ampio”, come traspare dalle parole di Mario Draghi, che “ha lasciato la porta aperta a futuri acquisti di bond”.

In chiusura, l‘indice FTSE MIb ha guadagnato il 5,49%, non riuscendo a scavalcare quota 17.000 punti (16.954,68 punti la chiusura, 16.977,59 punti il massimo intraday), soglia sotto la quale si trova dal 4 agosto scorso.

L‘Allshare è avanzato del 4,98% e il Mid Cap del 2,7%.

Volumi per un controvalore di circa 2,7 miliardi di euro.

* A beneficiare delle decisioni di Bruxelles sono stati soprattutto i titoli finanziari. In volo le banche: INTESA SANPAOLO +10,09%, UNICREDIT +7,49%, MONTEPASCHI +5,11% e UBI +6,71%.

* Sulla stessa linea il risparmio gestito, con MEDIOLANUM balzata del 10,95% e AZIMUT del 10,17%. Fuori dal paniere principale, BANCA GENERALI +4,97%.

* In denaro gli assicurativi. GENERALI è salita del 6,04%: Mediobanca ha tagliato il target price del gruppo assicurativo di Trieste, come conseguenza del‘impatto che le svalutazioni avranno sui risultati del terzo trimestre. FONDIARIA-SAI +3,65%.

* ENI ha salutato i risultati trimestrali con un rialzo del 3,86%. Meglio la controllata SAIPEM (+7,78%), che i conti li ha pubblicati ieri e oggi ha incassato diversi miglioramenti dei target price da parte dei broker.

* Restando alle società legate all‘energia, bene TENARIS (+7,21%), PRYSMIAN (+4,83%) e, tra le mid cap, GAS PLUS (+3,87%) e DANIELI (+6,4%).

* Brillante MEDIASET (+8,52%), società molto sensibile alle vicende politiche italiane. Secondo l‘interpretazione degli operatori, peraltro, il Biscione si è giovato soprattutto dei risultati dei primi nove mesi della controllata Mediaset Espana. In una nota, un broker estero parla di “ricavi e utili superiori alle attese” per la società spagnola.

* Tonico l‘automotive, così come tutti i comparti ciclici. FIAT ha guadagnato il 4,51% nella giornata in cui pubblicherà i risultati del terzo trimestre; il Lingotto ha frenato un po’ dopo la comunicazione dei conti di Chrysler. Meglio FIAT INDUSTRIAL: +7,42%. EXOR +4,81%. Sulla stessa lunghezza d‘onda PIRELLI (+5,7%). Fuori dal paniere principale, PIAGGIO (+1,84%) non ha ricevuto una particolare spinta dai conti trimestrali.

* Viaggio contromano di LOTTOMATICA: -1,5%. In questi giorni, diversi broker hanno pubblicato report in vista dei risultati del terzo trimestre (3 novembre). Tra gli altri, un broker italiano scrive di attendersi un incremento delle vendite del 23,9%, aggiungendo che, se le previsioni sul quarter troveranno conferma, la guidance sull‘Ebitda a fine anno (940-960 milioni) potrebbe essere rivista in meglio.

* Cauti i titoli tradizionalmente difensivi, come ANSALDO STS (+0,94%), TERNA (+1,77%), SNAM (+1,18%), PARMALAT (+1,01%) e CAMPARI (+0,88%).

* Tra le small e mid cap, volo di PRAMAC (+16,36%) sull‘annuncio di una commessa da 280 milioni di euro.

* INDESIT (+13,13%) indifferente alla revisione al ribasso delle previsioni sui ricavi del 2011.

* Dopo aver pareggiato 1 a 1 in casa contro il Catania nel turno infrasettimanale del campionato di Serie A, sciupando l‘occasione di salire solitaria in vetta alla classifica, la LAZIO ha ceduto il 6,21%.

* Mid Industry Capital è scesa dell‘1,3%: Banca Imi ne ha avviato la copertura con ‘buy’ e target price di 19 euro, quasi il doppio dei livelli attuali.

(Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129709, Reuters messaging: massimo.gaia.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

** AZIONARIO ITALIANO ** I prezzi delle azioni trattate sul mercato telematico italiano possono essere visualizzati con un doppio click sui seguenti codici ........

Market statistics................................ 20 maggiori rialzi (in percentuale).............. 20 maggiori ribassi (in percentuale).............

Indice FTSE IT Allshare Indice FTSE Mib....... Indice FTSE Italia Star Indice FTSE Italia Mid Cap... Indice FTSE Italia Small Cap Indice FTSE Italia Micro Cap. Guida per azionario Italia....

** DERIVATI DI BORSA ** Futures su FTSE Mib.......... Mini FTSE Mib................. Guida a futures e opzioni.... Guida a opzioni..............

** BORSE EUROPEE ** Commento su titoli europei ........[.EU]

Speed guide borse europee.......... Indici pan europei ........ Dati analitici paneuropei... Indice FTSEurofirst 300.......... Indice Stoxx..................... Indice Eurostoxx................. Maggiori rialzi/ribassi settori Stoxx ........ Maggiori rialzi/ribassi settori Eurostoxx.....

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below