25 ottobre 2011 / 18:08 / 6 anni fa

Fmi prende in considerazione partecipazione a Efsf

di Francesca Landini e Jan Strupczewski

BRUXELLES (Reuters) - Il Fondo Monetario Internazionale sta considerando un suo coinvolgimento nel veicolo speciale d‘investimento (Spiv) proposto dal fondo di salvataggio Efsf, ma non ha ancora preso una decisione finale in merito. Lo hanno riferito funzionari della zona euro.

“Il Fondo monetario ha segnalato di aver preso l‘ipotesi in considerazione, ma non ha preso nessuna decisione” ha detto un funzionario della zona euro. “Dipenderà tutto dall‘intero pacchetto” ha aggiunto.

I leader della zona euro hanno in programma di approvare domani un piano per aumentare il potenziale dell‘Efsf, il fondo salva-stati da 440 miliardi di euro, senza che i paesi membri debbano aumentare le proprie quote di partecipazione.

In base al piano, l‘Efsf creerebbe un veicolo speciale d‘investimento che emetterebbe debito e userebbe i proventi per acquistare sul mercato secondario bond dei paesi europei colpiti dalla crisi dei debiti sovrani o per estendere i prestiti agli Stati a rischio. Il veicolo di investimento sarebbe aperto al capitale privato, ai fondi sovrani e anche il Fondo monetario internazionale potrebbe partecipare all‘iniziativa, secondo la proposta visionata da Reuters.

Una fonte ha riferito che il Fmi sarebbe pronto a costituire un “conto corrente dedicato” (administrative account) per l‘Efsf, dove azionisti del Fondo monetario e fondi sovrani farebbero confluire risorse finanziarie per aiutare la zona euro, senza dover sottostare alle rigide regole di sorveglianza dell‘Fmi, ma godendo della credibilità e dell‘affidabilità di cui gode l‘istituzione di Washington.

“Sarebbe facile creare un ‘administrative account’ domiciliato presso il Fondo monetario internazionale dal momento che per costituirlo basterebbe solo l‘approvazione iniziale da parte del consiglio esecutivo dell‘Fmi”, spiega la fonte.

“Una volta costituito questo strumento potrebbe agire velocemente, con scarso coinvolgimento da parte del‘executive board dell‘Fmi, semplicemente dovrebbe rispettare il mandato delineato dai soggetti contributori”, dice la fonte che cita i paesi emergenti tra i possibili finanziatori di questa iniziativa.

Secondo la fonte questa ipotesi tecnica per finanziare l‘Efsf è oggetto di discussione tra il managing director del Fondo monetario Christine Lagarde e i leader europei impegnati a delineare una strategia complessiva per la zona euro.

“Il Fondo monetario è una possibilità - potrebbe essere uno degli investitori, potrebbe ospitare il veicolo speciale per gli investimenti (Spiv)” dell‘Efsf, ha riferito un‘altra fonte.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below