9 settembre 2011 / 13:18 / tra 6 anni

G7 Marsiglia terremotato da notizia Stark, si valuta comunicato

* Consigliere tedesco si dimette contro acquisto bond Bce

<p>Il membro dell'esecutivo Bce Jurgen Stark. REUTERS/Yiorgos Karahalis</p>

* “No comment” da Draghi

* G7 potrebbe concludersi con comunicato finale - fonte

di Giselda Vagnoni

MARSIGLIA (Reuters) - La riunione dei ministri Finanziari dei Sette Paesi più industrializzati è stata terremotata poco dopo pranzo dalla notizia delle dimissioni di Juergen Stark dalla Bce in segno di protesta contro gli acquisti di bond e potrebbe concludersi con un comunicato per rafforzare il messaggio di fiducia ai mercati.

La decisione del consigliere tedesco coinvolge l‘Italia - che è uno dei Paesi a favore dei quali la banca di Francoforte ha deciso di intervenire sul secondario nel Consiglio direttivo dei primi di agosto - e suona un campanello di allarme per Mario Draghi, dal primo novembre nuovo numero uno della Bce.

Le intenzioni di Stark devono essere emerse già nel direttivo Bce di ieri a Francoforte al termine del quale il governatore della Banca d‘Italia si è recato a palazzo Chigi per un incontro di circa trenta minuti con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

A Marsiglia il futuro presidente dell‘Eurotower non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

“No comment”, si è limitato a dire a Reuters prima di partecipare alla sessione del G7 dedicata alla stabilità finanziaria in qualità di presidente del Financial Stability Board, l‘organismo a cui il G20 ha dato l‘incarico di ridisegnare le regole della finanza internazionale.

Impossibile avvicinare il ministro dell‘Economia Giulio Tremonti che, arrivato con 20 minuti di ritardo rispetto all‘inizio dei lavori, è entrato nei giardini del Palais du Pharo in macchina.

Tra i pochi a parlare con i giornalisti sull‘argomento il presidente dell‘Eurogruppo Jean-Claude Juncker che ha detto di voler sentire il ministro tedesco e i membri della Bce prima di fare commenti.

SI VALUTA COMUNICATO

Una fonte del G7 ha detto a Reuters che contrariamente a quanto annunciato dalle delegazioni fino a ieri, la riunione di Marsiglia dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali potrebbe concludersi con un comunicato per rendere più forte il messaggio ai mercati.

“C’è un 50% di possibilità che venga diffuso uno statement, la decisione finale spetta ai ministri”, ha detto nel primo pomeriggio la fonte che ha partecipato agli incontri preparatori del mattino.

“L‘idea è quella di dire che l‘economia rallenta, ci sono guai sul mercato finanziario, ma abbiamo ancora diversi strumenti di politica economica in mano che i diversi paesi possono utilizzare. Non ci sono riferimenti a interventi concertati”.

Il segretario di Stato americano, Timothy Geithner, preme sugli europei perché rendano chiara la volontà politica di sostenere gli Stati della zona euro in difficoltà senza abbandonare la strada delle riforme.

“I Paesi più forti della zona euro sono del tutto in grado di assorbire questi costi, costi che risulterebbero ben maggiori per loro e per le loro economie se non agissero”, ha detto Geithner in una intervista a Bloomberg Television a margine del summit.

Il commissario europeo per gli Affari economici, Olli Rehn, ha detto che l‘Europa deve concentrarsi sulla riduzione del debito più che sulle misure di rilancio.

Il vertice si tiene all‘indomani dell‘annuncio da parte del presidente americano Barack Obama di un pacchetto di interventi da quasi 450 miliardi di dollari per stimolare la ripresa e reprimere il timore dei mercati che si sia vicini a una nuova recessione.

L‘iniziativa di Washington è stata accolta con favore dal direttore generale del Fondo monetario internazionale.

Per Christine Lagarde le economie avanzate devono cercare di stimolare la crescita con tutti i mezzi possibili, ma i Paesi della zona euro devono anche realizzare in tempi rapidi gli impegni presi nel vertice del 21 luglio per far fronte alla crisi dei debiti sovrani.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below