19 agosto 2011 / 07:19 / tra 6 anni

Borse Asia-Pacifico in calo su timori economia, Seul -6,22%

SINGAPORE (Reuters) - Sono pesanti i cali sulle borse orientali nella seduta di fine settimana, con Seul a guidare la lista delle perdite. Forti i timori sull‘andamento dell‘economia globale, in particolare sulle possibilità che gli Usa entrino in recessione e che il sistema bancario europeo vada in crisi dopo le tensioni sui prestiti a breve da parte di alcuni istituti del vecchio continente.

<p>Particolare della Borsa di Singapore in foto d'archivio. REUTERS/Tim Chong</p>

Attorno alle 8,50 italiane, l‘indice MS Asia Pacifico, che esclude il Giappone, è in ribasso del 3,84%. Il Nikkei ha chiuso in negativo a -2,51%.

* In forte perdita HONG KONG, con i ciclici a guidare i ribassi, verso la quarta settimana consecutiva chiusa in perdita. Negli ultimi giorni, i volumi delle contrattazioni non hanno mai superato la media della piazza, al contrario che durante il sell-off della scorsa settimana, suggerendo che gli investitori non sono in preda al panico, ma hanno scelto di restare fuori dal mercato.

Marcati i segni meno di Aluminium Corp of China (Chalco), della società di spedizioni Cosco Pacific e del colosso bancario anglo-asiatico HSBC.

* SHANGHAI è in perdita, ma l‘isolamento del mercato cinese protegge un poco la piazza dai venti della volatilità. Anche qui sono i ciclici in ribasso. In perdita pure i cementieri, dopo la notizia della discesa dei prezzi della materia prima e mentre sul settore immobiliare si affaccia un intervento di freno da parte del governo.

* In negativo SINGAPORE, dove il rosso è più intenso per commodity, petroliferi ed energetici.

* Pesante la perdita di TAIWAN, che ha chiuso al livello più basso di almeno 14 mesi. Molto colpiti il comparto delle società finanziarie e degli elettronici. Il produttore di smartphone HTC ha chiuso la giornata cedendo 7 punti percentuali.

* Si registra a SEOUL il bilancio più negativo del continente. Con oltre 6 punti percentuali lasciati sul campo, per il listino coreano è la perdita più grave dalla crisi finanziaria dell‘autunno 2008. Negativi gli esportatori come LG Electronics e Hyundai Motor, che va in doppia cifra. Non basta a Lotte Shopping una crescita del profitto netto del 17% nel secondo trimestre: il titolo indietreggia comunque di 3 punti percentuali.

* Non diverso il panorama a SIDNEY, dove arretrano le maggiori banche e i minerari, e a MUMBAI, dove va male la seconda banca del subcontinente, ICICI.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below