17 agosto 2011 / 15:27 / 6 anni fa

Btp chiudono in rialzo, Bce compra titoli Italia su tratto breve

MILANO (Reuters) - Chiusura in territorio positivo per i Btp, in ripresa nella seconda parte della seduta, grazie anche a qualche acquisto di carta italiana da parte della Bce.

Alcuni operatori hanno infatti confermato a Reuters che anche oggi le banche centrali sono state viste intervenire sul mercato secondario, soprattutto su titoli italiani, sebbene per quantitativi ridotti.

“Per la prima volta dall‘inizio degli interventi della Bce, oggi si rivede un interesse della clientela privata sul tratto breve della curva italiana, fino al 3 anni, insieme a qualche acquisto in verità moderato da parte delle banche centrali” commenta un trader da Milano.

Il differenziale di rendimento tra Btp e Bund decennali, su piattaforma Tradeweb, stringe fino a un minimo di 268 punti base nel primo pomeriggio in scia agli acquisti della Bce, salvo poi collocarsi a fine seduta sui 270 punti base della chiusura di ieri, complice anche l‘accelerazione dei Bund, con i futures sul governativo tedesco che hanno testato la soglia dei 134 punti.

“La curva italiana si irripidisce nel tratto fino al 10 anni, mentre oggi c’è un po’ di flattening sul 10-30, ma solo perchè il lungo recupera qualcosa dopo essere rimasto molto indietro a seguito dell‘inizio degli acquisti della Bce, che non sono andati oltre la scadenza decennale” aggiunge il trader.

In mattinata lo spread aveva allargato fino al picco di 276 punti base, sulla scorta di un debito tedesco ben sostenuto dalla delusione degli operatori per l‘esito dell‘incontro Merkel-Sarkozy di ieri. Incontro che, al di là dell‘impegno generale ad una maggiore integrazione fiscale della zona euro, non ha prodotto alcuna misura concreta nell‘immediato, con i due leader europei che hanno confermato la loro opposizione all‘ipotesi di emissione degli ‘eurobond’ [ID:nLDE77F10N] [ID:nLDE77F10Z].

“L‘attuale dimensione dell‘Efsf non è abbastanza grande in caso di ulteriori pressioni su Spagna e Italia e credo sia abbastanza prevedibile che ulteriori pressioni ci saranno” spiega Elisabeth Afseth di Evolution Securities.

Il rendimento del decennale italiano, che per tutta la mattina si era mantenuto tra 5,01% e 5,03%, si è riportato sotto quota 5% a seguito degli acquisti delle banche centrali, terminado la seduta in area 4,94%.

“I numeri della manovra italiana sono sicuramente piaciuti ma il sospetto è che non ci sia ancora molto accordo su come relizzarli” aggiunge il trader milanese. “É opportuno che si passi rapidamente all‘appovazione per non destare timori di uno slittamento dei tempi”.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below