16 agosto 2011 / 08:18 / tra 6 anni

Perdita di petrolio da oleodotto Shell nel Mare del Nord

LONDRA (Reuters) - La Royal Dutch Shell, uno dei principali attori mondiali nel comparto del petrolio e del gas naturale, ha detto che un oleodotto danneggiato di sua proprietà nel Mare del Nord continua a perdere petrolio anche oggi. Si ritiene si tratti della fuoriuscita più grave dal 2000.

<p>Logo di Shell, foto d'archivio. REUTERS/Morteza Nikoubazl</p>

La società non è stata in grado di fornire una stima della tempistica delle riparazioni.

Shell ha detto che circa 215 tonnellate di petrolio, l‘equivalente di 1.300 barili, si sono riversate nel Mare del Nord in una “perdita significativa”, ma il tasso di dispersione si è ridotto oggi a circa 5 barili al giorno.

“Quello che capisco è che ieri (la macchia di petrolio visibile) era di mezzo chilometro quadrato ... ed è stata ridotta nella notte”, ha detto a Reuters un portavoce.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below