25 luglio 2011 / 11:49 / tra 6 anni

San Raffaele, Ciaccia (Biis): Intesa non si tirerà indietro

CALCIO, Bergamo (Reuters) - Il gruppo Intesa SanPaolo farà la sua parte nell‘eventuale salvataggio dell‘ospedale San Raffaele di Milano, attualmente in grave dissesto finanziario.

<p>L'esterno dell'ospedale San Raffaele. REUTERS/Alessandro Garofalo</p>

Lo ha detto l‘AD di Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo (Biis), del gruppo Intesa.

“C’è un cda che dovrà prendere le sue decisioni, dovrà stabilire quali saranno le procedure da seguire...”, ha detto Ciaccia a margine di un evento sui lavori della Brebemi. “Se come sembra tenderà a seguire la procedura del concordato, ovviamente noi non ci tireremo indietro, laddove insieme agli altri dovremo garantire una continuità...perché il San Raffaele è uno dei centri di ricerca di eccellenza in Europa”.

Al momento non c’è stato alcun contatto operativo, perché “siamo rispettosi delle regole”, ha aggiunto Ciaccia. “C’è un cda, ci sono gli advisor che stanno lavorando, non potremo che seguire il loro lavoro con la massima attenzione”.

La settimana scorsa, la procura di Milano ha detto che lascerà tempo fino al prossimo 15 settembre al nuovo cda dell‘istituto ospedaliero per presentare un piano concreto per appianare i debiti, che potrebbero ammontare a circa 900 milioni di euro, pena la richiesta di fallimento.

(Ilaria Polleschi)

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below