15 luglio 2011 / 16:41 / tra 6 anni

La manovra da 47,97 mld nel testo uscito dal Parlamento

(Reuters) - La Camera ha approvato il decreto sulla manovra correttiva, convertendolo definitivamente in legge al termine di un esame parlamentare durato meno di una settimana.

<p>Roma, 15 luglio 2011. Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti durante il dibattito alla Camera. REUTERS/Tony Gentile</p>

MANOVRA RAFFORZATA: VALE 47,97 MLD, 60% DA MAGGIORI ENTRATE

Il Parlamento ha rafforzato la manovra, che ora riduce il deficit di 47,972 miliardi nei quattro anni al 2014 dai circa 40 miliardi del testo uscito da Palazzo Chigi.

Le maggiori entrate ammontano a 28,829 miliardi e assicurano il 60% dell‘intera correzione.

Nel dettaglio la manovra prevede un intervento di 2,108 miliardi sul 2011, di 5,578 sul 2012 e di 24,407 miliardi sul 2013.

LA CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA

Per rassicurare i mercati il governo ha inserito nel decreto la cosiddetta “clausola di salvaguardia”, che consente di iscrivere a bilancio la riduzione del deficit attesa tra 2013 e 2014 dall‘attuazione della delega sulla riforma fiscale e assistenziale.

Un nutrito elenco di agevolazioni a favore di famiglie e imprese sarà ridotto del 5% nel 2013 e del 20% dal 2014 in caso di mancata entrata in vigore della riforma entro il 30 settembre 2013.

La disposizione deve assicurare una riduzione del deficit pari a 4 miliardi nel 2013 e a 20 miliardi dal 2014.

Finora il Tesoro aveva spiegato che il contributo della delega sarebbe stato pari a 14,7 miliardi nel 2014.

IL PIANO PER LA CESSIONE DELLE PARTECIPAZIONI STATALI

Entro il 31 dicembre 2013 il ministero dell‘Economia dovrà approvare “uno o più programmi per la dismissione di partecipazioni azionarie dello Stato e di enti pubblici non territoriali”.

Le modalità di alienazione saranno stabilite con uno o più decreti del Tesoro, che dovrà anche riferire al Parlamento entro il 30 giugno di ogni anno.

I TAGLI ALLA SPESA. DA MINISTERI 5 MILIARDI NEL 2014

I ministeri faranno la loro parte nel finanziare la manovra. In termini di indebitamento netto le riduzioni di spesa ammontano a 1 miliardo nel 2012, a 3,5 nel 2013 che diventano 5 miliardi dal 2014. Una norma ponte in vista del processo di spending review che partirà l‘anno prossimo e porterà anche le amministrazioni centrali ad adottare la logica dei costi standard prevista per gli enti locali.

La parte del leone nei tagli la fa anche quest‘anno il ministero dello Sviluppo, con 1,96 miliardi dal 2014. Segue il ministero dell‘Economia con quasi 1,39 miliardi.

Inoltre, il ministero dell‘Economia ha destinato a riduzione del deficit i 2,4 miliardi già accantonati per cautelarsi da un possibile fallimento dell‘asta delle frequenze. Il miglioramento del saldo ammonta a 1,7 miliardi nel 2011, 400 milioni nel 2012 e 300 milioni nel 2013. Sul saldo netto da finanziare i 2,4 miliardi impattano tutti sul 2011.

NUOVA STRETTA SUL PUBBLICO IMPIEGO

Cattive notizie per i dipendenti pubblici: la manovra estende dal 2013 al 2014 il blocco degli incrementi salariali e proroga di un altro anno anche lo stop all‘avvicendamento di personale (turn over).

In arrivo interventi restrittivi sull‘indennità di vacanza contrattuale “per gli anni 2015-2017” e una “semplificazione delle procedure di mobilità del personale” tra le diverse amministrazioni.

Correda il tutto l‘ulteriore stretta sull‘assenteismo. Per migliorare la produttività dei dipendenti pubblici, la manovra prevede che il controllo sulle assenze per malattia scatti “sin dal primo giorno quando l‘assenza si verifica nelle giornate precedenti o successive a quelle non lavorative”.

I PICCOLI TAGLI AI COSTI DELLA POLITICA

Non potranno superare la media “ponderata rispetto al Pil” degli analoghi trattamenti economici previsti negli altri sei principali Stati dell‘area euro gli stipendi dei titolari di cariche elettive, come parlamentari o amministratori locali, o di vertice. La norma si applica tuttavia dalle prossime elezioni o nomine e, per quel che riguarda le Camere, nel rispetto della loro autonomia costituzionalmente garantita.

L‘articolo 6 introduce dalla prossima legislatura un taglio del 10% al finanziamento dei partiti politici che, cumulato agli analoghi interventi già decisi negli anni scorsi, porta a una “riduzione complessiva del 30%”.

Gli aerei blu saranno presto limitati solo alle 5 massime cariche dello Stato: presidente della Repubblica, presidenti di Camera e Senato, presidente del Consiglio, presidente della Corte costituzionale. Sono ammissibili eccezioni ma solo se “specificamente autorizzate”.

Previsti inoltre limiti alle auto blu, che non potranno superare i 1600 centimetri cubici, con l‘eccezione delle auto in dotazione al Capo dello Stato, ai presidenti del Senato, della Camera e della Corte Costituzionale, al presidente del Consiglio e “le auto blindate adibite ai servizi istituzionali di pubblica sicurezza”. Le auto blu attualmente in servizio che non rispettano i parametri potranno essere utilizzate solo fino alla loro dismissione o rottamazione.

ENTI LOCALI SUL PIEDE DI GUERRA: TAGLI DA 6,4 MLD NEL 2014

Com‘era inevitabile, gli amministratori locali puntano i piedi contro i nuovi tagli loro imposti: 3,2 miliardi nel 2013 e 6,4 nel 2014. Le Regioni a statuto ordinario si vedranno ridurre i trasferimenti di 800 milioni nel 2013 e di 1,6 miliardi a decorrere dal 2014. Le Regioni a statuto speciale e le province autonome di Trento e Bolzano parteciperanno con un 1 miliardo nel 2013 e 2 miliardi dal 2014. I tagli alle province ammonteranno a 400 milioni nel 2013 e a 800 milioni nel 2014. I comuni contribuiranno con 1 nel 2013 e 2 dal 2014.

TORNANO TICKET DA 10 EURO. DA SANITÀ 5 MLD NEL 2014

Salta la sospensione fino a dicembre 2011 dei ticket da 10 euro su visite specialistiche e diagnostiche, che costeranno agli italiani 381,5 milioni di euro solo quest‘anno. Dal 2012 i tocket garantiranno minori trasferimenti statali alle regioni per 834 milioni.

Non finisce qui, perché dal 2014 la manovra prevede nuovi ticket -- definiti però “misure di compartecipazione” -- che dovrebbero garantire il 40% dei risparmi programmati.

Le Regioni potranno comunque adottare “provvedimenti di riduzione delle predette misure di compartecipazione, purché assicurino comunque, con misure alternative, l‘equilibrio economico-finanziario”.

La razionalizzazione della spesa sanitaria produrrà risparmi per 2,5 miliardi nel 2013 e 5 miliardi nel 2014. Il Fondo sanitario nazionale salirà solo dello 0,5% nel 2013 e dell‘1,4% nel 2014. Nel 2013 il 30% dei risparmi arriverà dai prezzi di riferimento per beni e servizi, il 40% dagli interventi sulla spesa farmaceutica e un altro 30% dal nuovo tetto di spesa sui dispositivi medici.

CAMBIA PATTO STABILITÀ INTERNO PER COMUNI

A parziale compensazione dei tagli, la manovra introduce per i comuni un “coefficiente di correzione” connesso alla dinamica nel miglioramento dei saldi.

Salta il parametro del “rapporto tra spesa in conto capitale finanziata con risorse proprie e spesa corrente”. Viene infine riformulato l‘ultimo criterio sulle dismissioni di partecipazioni societarie. Nella nuova versione la manovra fa riferimento alle privatizzazioni già fatte ma anche a quelle in essere o future.

IL CAPITOLO PREVIDENZIALE

I requisiti per l‘accesso alla pensione di uomini e donne saranno agganciati alle aspettative di vita certificate da Istat a partire dal 2013, con due anni di anticipo rispetto a quanto ha stabilito la manovra correttiva dello scorso anno.

Dal primo agosto 2011 e fino al 31 dicembre 2014 le pensioni superiori a 90.000 euro lordi annui saranno soggette a un “contributo di perequazione”. Il prelievo è pari al 5% per la quota compresa tra 90.000 e 150.000 euro, al 10% per la parte superiore a 150.000 euro.

Dal 2012 chi avrà maturato i 40 anni di contributi si vedrà posticipare l‘accesso alla pensione di un mese, di due mesi nel 2013 e di tre mesi nel 2014.

Stretta sulle pensioni superiori a cinque volte il minimo Inps. Questi assegni non si vedranno riconoscere la rivalutazione automatica per il biennio 2012-2013, con esclusione della fascia di importo inferiore a tre volte il minimo Inps, per la quale si applica una rivalutazione del 70%.

Dopo le proteste della Lega, l‘età per l‘accesso alla pensione di vecchiaia delle donne che lavorano nel settore privato salirà a 65 anni dagli attuali 60 solo a partire dal 2032, al termine di un graduale innalzamento che inizierà nel 2020.

Roma, 15 luglio (Reuters) -

LE ENTRATE. BOLLO SU CONTI TITOLI VALE 2,5 MLD A REGIME

L‘Irap su banche e società finanziarie sale dal 3,9 al 4,65%. Per le assicurazioni l‘aliquota cresce di 2 punti percentuali e arriva al 5,90%. L‘operazione frutterà allo Stato 888,7 milioni nel 2012 e 479,7 sia nel 2013 che nel 2014.

Aumenta l‘imposta di bollo sui conti titoli. Un salasso che costerà a risparmiatori e investitori 725,1 milioni nel 2011, 1,323 miliardi nel 2012, 3,8 nel 2013 e 2,525 miliardi dal 2014, quando la nuova imposizione entrerà a regime.

Nell‘immediato il bollo resta a 34,2 euro per i depositi inferiori a 50.000, ma aumenta a 70 euro per somme investite tra 50.000 a 150.000, a 240 euro da 150.000 a 500.000 euro, a 680 euro per depositi pari o superiori ai 500.000 euro.

Dal 2013 nuovo giro di vite: tra 50.000 e 150.000 euro risparmiatori e investitori pagheranno 230 euro, tra 150.000 e 500.000 pagheranno 780 euro e 1.100 euro per depositi da 500.000 euro in su.

STRETTA SU STOCK OPTION: MANAGER PAGHERANNO 21,6 MLN DA 2012

L‘addizionale al 10% sulla remunerazione variabile dei manager, corrisposta sotto forma di bonus e stock option, si applica alla quota che eccede la parte fissa della retribuzione.

Cambia quindi la manovra dello scorso anno nella parte che faceva scattare l‘addizionale sulla quota superiore al triplo della parte fissa.

Il maggior gettito ammonta a 5,4 milioni nel 2011 e a 21,6 milioni nel 2012 e per gli anni successivi.

PER AUTOSTRADE E TRAFORI DEDUCIBILITÀ FONDO RIPRISTINO A 1%

La manovra colpisce le società concessionarie che gestiscono autostrade e trafori abbassando all‘1% dal 5% la deducibilità del fondo di ripristino.

Le altre concessionarie si vedono invece aumentare l‘Irap di 0,3 punti percentuali: l‘aliquota cresce dal 3,9% al 4,2%.

AUMENTO ACCISE DIVENTA PERMANENTE. GETTITO 1,7 MLD

La manovra rende permanente l‘aumento delle accise di 4 centesimi stabilito il 28 giugno per benzina e gasolio da autotrazione. La relazione tecnica quantifica in circa 1,7 miliardi il maggior gettito in tutto l‘arco di previsione al 2014.

LA SANATORIA SULLE LITI FISCALI PENDENTI

In arrivo un condono sulle liti fiscali di valore non superiore a 20.000 euro pendenti al primo maggio 2011.

Se il valore della lite è di importo fino a 2.000 euro il contribuente potrà chiudere la vertenza pagando 150 euro. In caso di valore superiore a 2.000 euro, si aprono tre possibilità. Il contribuente dovrà pagare il 10% del valore della lite qualora a soccombere nell‘ultima pronuncia sia stata l‘amministrazione fiscale, il 50% qualora a soccombere sia stato il contribuente, il 30% qualora la lite penda ancora nel primo grado di giudizio.

Inoltre, la manovra estingue di diritto i processi in materia previdenziale che vedono coinvolto l‘Inps, se sono pendenti nel primo grado di giudizio alla data del 31 dicembre 2010 e il cui valore non superi complessivamente i 500 euro. L‘estinzione assicura la vittoria al ricorrente.

L‘ADDIZIONALE SUL BOLLO DELLE AUTO PIÙ POTENTI

Già da quest‘anno, le autovetture e gli autoveicoli per il “trasporto promiscuo di persone e cose” saranno soggette a una addizionale erariale della tassa automobilistica, pari a dieci euro per ogni chilowatt di potenza del veicolo superiore a 225 chilowatt.

L‘addizionale sarà corrisposta con modalità e termini da stabilire con provvedimento del ministero dell‘Economia, da emanare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della manovra.

IL CAPITOLO GIOCHI TRA NUOVE LICENZE E LOTTA ALL‘ILLEGALITÀ

Il 3% delle spese pubblicitarie annue sostenute dai concessionari andrà a finanziare la carta acquisti (social card) per i più poveri.

In arrivo 1.000 nuove licenze della durata di nove anni per il poker sportivo con base 100.000 euro l‘una. La raccolta sarà assoggettata a un‘aliquota di imposta unica pari al 3%.

Verranno presto messi a gara anche 5.000 diritti di esercizio per la raccolta fisica dei giochi “su base ippica o sportiva”, cui se ne aggiungeranno altri 2.000 legati a punti vendita che hanno già come attività principale la commercializzazione di prodotti di gioco pubblici.

In arrivo il gioco del Bingo a distanza, con un aliquota di imposta stabilita in misura pari al 10% delle somme giocate.

Nutrito il capitolo delle sanzioni. Chi fa giovare minori rischia pene da 5.000 a 20.000 euro. In caso tre violazioni, anche se non consecutive, la manovra prevede la revoca delle concessione.

Le banche e gli intermediari in genere sono obbligati a comunicare ai Monopoli di Stato i flussi di denaro con operatori di scommesse che svolgono attività in Italia privi di licenza. In caso di omessa comunicazione la sanzione amministrativa va da 300.000 a 1,3 milioni per ogni singola violazione.

In termini di indebitamento netto le entrate da giochi sono pari a 442,5 milioni di euro nel 2011, 481 mln nel 2012, 501 mln nel 2013 e nel 2014.

IL CAPITOLO SVILUPPO. FORFAIT AL 5% PER GIOVANI IMPRENDITORI

La manovra introduce un regime fiscale di vantaggio per i giovani imprenditori e i lavoratori in mobilità che decidono di avviare un‘attività imprenditoriale.

La misura interviene modificando il regime fiscale forfettario al 20% per piccoli imprenditori, lavoratori autonomi e professionisti con un fatturato inferiore ai 30.000 euro l‘anno, introdotto in Finanziaria 2008 dal secondo governo Prodi.

A partire dal 2012 il nuovo regime fiscale prevede un‘imposta sostitutiva al 5% e si applicherà fino al “periodo di imposta di compimento del trentacinquesimo anno di età”.

ANCHE NEL 2012 IL BONUS PER IL SALARIO DI PRODUTTIVITÀ

Per ora è solo un impegno programmatico, ma il governo intende prorogare anche per l‘anno prossimo la tassazione agevolata sulle intese che aumentano la produttività, compresi i contratti aziendali sottoscritti in base all‘accordo interconfederale “del 28 giugno 2011 tra Confindustria, Cgil, Cisl e Uil”.

Il governo, sentite le parti sociali, provvederà entro il 31 dicembre 2011 alla determinazione del sostegno fiscale e contributivo previsto nei limiti delle risorse stanziate con la Legge di stabilità.

Nel 2011 la detassazione al 10% del salario di produttività per i redditi fino a 40.000 euro ha un costo programmato di 835 milioni.

I FONDI DI VENTURE CAPITAL

La manovra disciplina i “Fondi per il venture capital” (Fvc) come i fondi comuni di investimento armonizzati europei che investono almeno il 75% dei capitali raccolti in società non quotate. I fondi sosterranno imprese nella fase di sperimentazione (seed financing), di costituzione (start-up financing), di avvio dell‘attività (early-stage financing) o di sviluppo del prodotto (expansion financing).

LIBERALIZZAZIONI MA SENZA TOCCARE GLI ORDINI PROFESSIONALI

Il governo formulerà alle categorie diverse da quelle che già hanno un ordine professionale “proposte di riforma in materia di liberalizzazione dei servizi e delle attività economiche”. Trascorsi 8 mesi dall‘entrata in vigore della manovra, “ciò che non sarà espressamente regolamentato sarà libero”.

La manovra interviene anche sulla rete carburanti ampliando la tipologia di beni che possono essere venduti. I gestori degli impianti potranno infatti vendere alimenti e bevande, quotidiani e periodici.

(Giuseppe Fonte)

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below