4 luglio 2011 / 06:07 / tra 6 anni

Borse Europa, indici incerti in avvio, pesano banche

LONDRA (Reuters) - Partenza incerta e volatile per le borse europee in una seduta che si preannuncia con volumi sottili a causa della chiusura dei mercati Usa per la festività dell‘Independence Day.

<p>Logo della Borsa di Londra in foto d'archivio. REUTERS/Toby Melville</p>

Da una parte un sostegno ai listini del vecchio continente arriva dalla forza mostrata nella notte dalle piazze asiatiche, dall‘altra gli umori del mercato sono raffreddati dai commenti di Standard & Poor’s secondo cui il rollover del debito greco potrebbe determinare un “default selettivo” di Atene.

“La preoccupazione principale con la situazione greca è il rollover del debito e quanto tempo si è davvero guadagnato nel frattempo. I commenti di S&P non aiutano”, commenta un trader.

Intorno alle 10 il FTSEurofirst 300 è sostanzialmente piatto. Tra le singole borse, Francoforte avanza di un frazionale 0,04%, Parigi cede lo 0,17% e Londra guadagna lo 0,08%.

Tra i titoli in evidenza:

* I bancari sono tra i più colpiti dalle vendite, con l‘indice di settore in calo di circa un punto percentuale. La scorsa settimana l‘indice ha messo a segno il maggior rialzo settimanale dell‘ultimo anno.

* BAYER sale dell‘1,5% dopo il via libera della Food and Drug Administration statunitense allo Xarelto, un anticoagulante sviluppato dal gruppo tedesco e da Johnson & Johnson.

* Il fornitore di servizi di mobile computing PSION lascia sul campo oltre il 17% sulla scia di previsioni di un primo semestre in perdita e di un 2011 sotto le stime, che hanno spinto alcuni broker a declassare il titolo.

* Proseguono le vendite sul retailer tedesco PRAKTIKER, in calo dell‘11% con gli analisti che segnalano ancora il profit warning di venerdì che già aveva pesato sul titolo.

* Il gruppo petrolifero norvegese DNO - che ha siglato un accordo con la società degli Emirati Arabi RAK Petroleum per la fusione delle controllate in Medio Oriente e Nord Africa di RAK in una controllata di DNO - balza di quasi il 9%.

* CARREFOUR perde lo 0,8%. Il piano per fondere la controllata brasiliana con Grupo Pao de Acucar (GPA) appare incerto - nonostante l‘ok del board - in quanto la rivale CASINO, azionista di controllo di GPA, ha tentato di far deragliare il finanziamento dell‘accordo. Casino avanza dell‘1,5%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below