27 giugno 2011 / 06:56 / tra 6 anni

Borse Asia-Pacifico: indici in ribasso su incertezze Grecia

MILANO (Reuters) - Giornata prevalentemente negativa per le piazze azionarie asiatiche dove, come su gran parte dei mercati, si fa sentire il nervosismo legato all‘attesa del voto di questa settimana del Parlamento greco sul pacchetto di misure di austerità fiscale.

Un voto che potrebbe rappresentare uno snodo fondamentale per la stabilità finanziaria della zona euro: un esito contrario al piano potrebbe infatti bloccare il pagamento degli aiuti internazionali alla Grecia ed esacerbare le pressioni che già si riflettono nell‘aumento dei tassi di mercato sul debito di numerosi paesi della regione.

Intorno alle 8,30 l‘indice regionale Msci, che esclude il Giappone, cede l‘1%, mentre a Tokyo il Nikkei ha chiuso in ribasso dell‘1,04%.

“Il contagio si espanderebbe attraverso il mercato dei governativi e via il mercato interbancario” si legge in un report di Societe Generale. “Tale scenario negativo non mette a repentaglio solo la stabilità finanziaria della zona euro, ma dell‘intero sistema finanziario globale, con forti conseguenze per l‘economia mondiale”.

* Tra le borse più penalizzate della seduta c’è la COREA. Vendite sul comparto dei semiconduttori, con Samsung Electronics che arretra del 2% e Hynix Semiconductor del 4,5% in scia al ribasso di oltre due punti percentuali del Philadelphia Semiconductor Index e ad un generale scarso appetito per i titoli ciclici, in un contesto di incerte prospettive economiche.

* Vendite anche a HONG KONG, mentre SHANGHAI riesce a muoversi in controtendenza. In flessione i titoli bancari sulla piazza dell‘isola, con Hsbc che arretra dell‘1,5%. Bene invece sulla borsa cinese i titoli legati al trasporto navale, supportati dal raffreddamento delle quotazioni petrolifere: China Cssc Holdings guadagna il 2,5%, China Shipbuilding Industry il 5,1%.

* Flessione attorno al punto percentuale anche per l‘AUSTRALIA, di nuovo vicina ai minimi dell‘anno toccati la settimana scorsa e ormai avviata alla peggiore performance trimestrale degli ultimi 12 mesi, con una flessione di circa il 7,6%. Meno 0,33% per Bhp Billiton: secondo notizie di stampa il gruppo minerario potrebbe completare con sei mesi d‘anticipo il proprio programma di ‘buy back’ azionario da 10 miliardi di dollari, accendendo la speranza per una nuova iniziativa di remunerazione degli azionisti che ha limitato la flessione odierna del titolo.

* Segni meno anche per SINGAPORE e TAIWAN, mentre fa segnare un buon rialzo l‘INDIA, guidata dai titoli dei gruppi petroliferi pubblici a seguito della decisione del governo di concedere un aumento delle tariffe dei carburanti.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below