8 giugno 2011 / 09:20 / tra 7 anni

Opec divisa, sauditi spingono per aumento produzione petrolio

VIENNA (Reuters) - L‘Arabia Saudita ha incontrato resistenze dai membri Opec contrari a un rialzo della produzione di petrolio che potrebbe contribuire ad abbassare i prezzi del greggio.

<p>Il ministro del Petrolio saudita, Ali al-Naimi. REUTERS/Heinz-Peter Bader</p>

Sotto pressione da parte dei paesi consumatori che mirano a contenere l‘inflazione, Riyhad spera di convincere durante la riunione di oggi gli altri paesi esportatori ad aumentare il target di produzione di 1,5 milioni di barili al giorno, dicono alcuni delegati dell‘area del Golfo.

Riyhad ha il sostegno dei suoi alleati arabi del Golfo come il Kuwait e gli Emirati arabi uniti per venire incontro alla domanda nella seconda metà dell‘anno.

Ma cinque paesi - i “falchi” dei prezzi Iran e Venezuela insieme a Ecuador, Iraq e Angola - hanno detto di non vedere alcun bisogno di aumentare la produzione.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below