11 maggio 2011 / 16:07 / 6 anni fa

Borsa Milano chiude lieve rialzo, svetta Mediobanca, giù Edison

<p>La sede della borsa di Milano. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

MILANO (Reuters) - Il ribasso di Wall Street ha avuto l‘effetto di annullare i rialzi delle borse europee, Milano inclusa, che archivia una seduta leggermente positiva, sostenuta soprattutto da alcuni titoli industriali e timonata dalle trimestrali.

“Eravamo partiti bene, poi il calo di Wall Street ha annullato tutto. Non c’è altro da dire”, osserva un trader,

L‘indice FTSE Mib ha guadagnato lo 0,21% e l‘AllShare lo 0,17%, mentre il Midcap ha perso lo 0,12%. Volumi per un controvalore di circa 3,3 miliardi di euro nel finale.

* PARMALAT sull‘ottovolante, chiude piatta, mentre nel corso della seduta è arrivata a perdere anche il 2%. Il titolo ha iniziato a perdere terreno stamani dopo le notizie dell‘indagine della magistratura sull‘offerta Lactalis, in un mercato che cerca di capire i possibili sviluppi della situazione, ma resta sopra 2,6 euro per azione, prezzo dell‘offerta Lactalis. “Non saprei... non so cosa stanno andando a cercare”, dice un trader, commentando le notizie sull‘indagine.

* Invariata anche INTESA SANPAOLO, dopo l‘approvazione dell‘aumento di capitale da parte dell‘assemblea. Un giornale ha parlato di prezzo a sconto del 20-25% sui valori di borsa. Citi riduce il prezzo obiettivo a 2,3 da 2,5 euro e le stime a causa del trend del settore e dopo l‘approvazione dell‘aumento di capitale da 5 miliardi.

* Fra le altre banche, svetta MEDIOBANCA con un rialzo del 2,58% dopo risultati dei 9 mesi che vedono un utile netto balzare del 18,2%. “Il titolo ha reagito bene a seguito della trimestrala e sopra il consensus”, dice un broker.

* I risultati migliori delle attese premiano anche ENEL GREEN POWER (+1,19%). L‘Ebitda del primo trimestre è pari a 393 milioni di euro da 353 milioni del consensus Thomson Reuters. Bene anche la controllante ENEL (+1,02%).

* Nel settore dell‘energia, bene ENI, in salita dello 0,4%, mentre scivola EDISON (-1,78%) dopo il downgrade da parte dell‘agenzia di rating Fitch che ha messo i rating a lungo e a breve termine del gruppo in watch negativo. “Il rating watch negativo prende in considerazione anche la nuova scadenza del rinnovo del patto, ora rinviata di sei mesi fino a settembre 2011”, spiega Fitch. Positiva, invece, A2A (+0,75%) in attesa dei risultati del trimestre domani.

* TOD‘S ripiega dai massimi nel finale a +0,96% in attesa dei risultati che saranno diffusi domani. Un analista, che ha previsioni tutto sommato in linea con il consensus, vede un aumento del fatturato di circa il 15% e dell‘Ebit di circa il 20%.

* POLTRONA FRAU cala del 2% circa dopo i dati del primo trimestre più deboli delle attese. Un analista parla di fatturato peggiore delle aspettative, ma dice che l‘andamento degli ordini, in rialzo del 10% a oggi nel 2011 per i tre marchi principali, consente una conferma delle previsioni sull‘anno.

* Fra i minori strappa AICON con un balzo del 30% dopo l‘annuncio del piano di rilancio 2011-2015.

* ARENA cresce del 4%, dopo l‘annuncio dell‘accordo con gli investitori istituzionali sulle obbligazioni Agria Finance. La ristrutturazione del bond agevolerà il processo di risanamento del gruppo Arena, che potrà contare, tra l‘altro, sulla piena esecuzione e supporto degli impegni di ripatrimonializzazione e riscadenziamento del debito assunti da Logint, ha detto la società.

Sul sito www.reuters.it le altre notizia Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below