5 maggio 2011 / 14:13 / 7 anni fa

Eni, AD: impatto importante su produzione da stallo in Libia

ROMA (Reuters) - L‘amministratore delegato di Eni Paolo Scaroni ha detto di temere che la situazione di stallo in Libia tra i ribelli e le forze fedeli a Muammar Gheddafi si protragga per tutto l‘anno perché avrebbe un impatto “importante” sulla produzione del 2011.

“La condizione peggiore che noi ci prefiguriamo è che la condizione di oggi in Libia si protragga per tutto l‘anno”, ha detto Scaroni rispondendo a una domanda degli azionisti in assemblea.

Uno stallo significherebbe per Eni “un impatto importante sulla produzione dell‘anno”, ossia un abbattimento, nell‘esercizio 2011, “di 200.000 barili al giorno”.

Scaroni ha tuttavia escluso che la crisi in Libia possa avere un impatto sul dividendo del 2011.

Scaroni ha mostrato scarsa preoccupazione per la sospensione della vendita alla russa Gazprom della metà della quota detenuta nel giacimento libico Elephant.

“E’ una cosa piccolissima. Ritengo che in Libia riprenderà tutto come prima...saremo molto contenti di tenerci la quota in Elephant che cedevamo solo in ossequio al nostro accordo con Gazprom per l‘ingresso nei giacimenti della Siberia dell‘Ovest”, ha detto.

(Giselda Vagnoni)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below