4 maggio 2011 / 07:47 / tra 6 anni

Italia, Pmi servizi aprile rallenta, inferiore ad attese

ROMA (Reuters) - Il settore dei servizi in Italia è cresciuto lo scorso aprile al ritmo più basso da gennaio, in conseguenza dello stallo dei nuovi ordini, mentre le aspettative di crescita del settore per l‘intero anno toccano il minimo da due anni a questa parte.

L‘indice Markit/Adaci, nel cui paniere sono compresi servizi che vanno dalla banche agli alberghi, è sceso a quota 52,2 ad aprile, contro il 53,3 registrato il mese precedente, avvicinandosi alla quota 50, che separa la crescita dalla contrazione.

L‘attività di settore si è attestata a livelli più bassi di quanto atteso: la media delle previsioni degli analisti interpellati da Reuters indicava un calo più modesto dell‘indice, a 52,9, in una forchetta compresa tra un minimo di 49,5 e un massimo di 53,7.

”Gli ultimi dati continuano a mostrare come le condizioni operative del settore restino difficili“ osservano da Markit. ”La crescita dei nuovi ordini è rallentata, sfiornado la stagnazione, mentre le attività continuano ad essere sostenute dallo smaltimenti degli arretrati. Il sottoindice dei nuovi ordini è calato a 50,1 da 51, raggiungendo il minimo da dicembre.

Il trend rispecchia il sondaggio realizzato da Markit per il settore manifatturiero, pubblicato lunedì 2, in cui l‘indice Pmi ha registrato il minimo a 4 mesi, sebbene, collocandosi a quota 55,5, resti superiore al corrispondente indice nei servizi.

Anche nei servizi s‘intensifica la pressione dei costi, con i prezzi input che registrano la crescita più sostenuta dall‘ottobre 2008, mentre le forti pressioni competitive limitano la possibilità di rivedere al rialzo le tariffe, notano da Markit.

Per quanto riguarda il Pil, l‘attesa è per un‘accelerazione solo marginale nel primo trimestre, dopo il +0,1% segnato alla fine dell‘anno. E l‘indice Pmi dei servizi conferma che il picco di crescita potrebbe essere già stato raggiunto.

“Una domanda interna traballante, combinata con un peggioramento del sentiment, suggerisce nel secondo trimestre il contesto in cui operano i servizi commerciali sarà impegnativo” ha sottolineato Andrew Self, economista di Markit.

Il rallentamento degli indici Pmi italiani è in linea con altri con l‘andamento dei principali indicatori economici del Paese.

La fiducia dei commercianti è scesa inaspettatamente ad aprile, dopo aver toccato il suo massimo dall‘inizio del 2008 proprio lo scorso marzo.

Il governo di centrodestra guidato da Silvio Berlusconi, sotto attacco su più fronti, lo scorso mese ha tagliato le aspettative di crescita per il 2011, riducendole all‘1,1% dall‘1,3%, e ha rivisto al ribasso anche l‘outlook per l‘anno successivo, abbassandolo a 1,3% dal 2% stimato in precedenza.

(Gavin Jones)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche se www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below