19 aprile 2011 / 07:37 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude in lieve rialzo, respirano banche,bene lusso

MILANO (Reuters) - Piazza Affari prova a dimenticare le forti tensioni della vigilia e, grazie a una situazione più distesa sul fronte dei titoli di stato periferici e ad alcune incoraggianti trimestrali europee e Usa, mette a segno un mini-rimbalzo dopo il -3% segnato ieri.

<p>Un operatore di borsa. REUTERS/Toru Hanai</p>

Migliora il clima sui bancari bersagliati dalle vendite ieri, prosegue il buon momento per il lusso, mentre sale Fiat alla vigilia della trimestrale.

“Rispetto a ieri la situazione sembra più serena ma rimane l‘incertezza soprattutto sul fronte del debito dei paesi periferici della zona euro”, commenta un trader.

L‘indice FTSE Mib sale dello 0,31%, l‘Allshare dello 0,33%, lo Star dello 0,97%. Volumi per circa 2,1 miliardi.

* Tra i bancari rimbalzano INTESA SANPAOLO, UBI e BANCO POPOLARE con rialzo attorno a un punto percentuale, meglio dello Stoxx di settore europeo, in leggero calo.

In lieve terreno negativo invece MEDIOBANCA (-0,6%), UNICREDIT (-0,12%) e POP MILANO (-0,08%). Quest‘ultima sconta le attese di un aumento di capitale, stimato dalla stampa tra 800 milioni e 1 miliardo.

* Tonica PIRELLI, in rialzo del 3% circa. Un trader cita l‘interesse del mercato per tutto il settore europeo alimentato anche dalla notizia di ieri sera su una joint venture in Cina siglata dalla francese Michelin.

* Lusso in primo piano su tutte le piazze europee sulla scia dei forti dati trimestrali di Burberry dopo quelli, altrettanto positivi annunciati ieri da Lvmh.

Sul listino milanese questi risultati aiutano LUXOTTICA e TOD‘S, entrambi in rialzo del 2,4% circa, sottolinea un trader

* In deciso calo TELECOM ITALIA (-2,26%) peggior titolo telefonico europeo (Stoxx -0,45%) dopo un report di un broker che esprime cautela sui risultati del primo trimestre.

* FIAT è in linea con il settore europeo che guadagna l‘1,65% in vista dei conti trimestrali di domani.

* Tra i titoli a minore capitalizzazione DADA chiude con un calo del 6,9% nel giorno dell‘annuncio della firma del contratto definitivo con BUONGIORNO per la cessione del 100% di Dada.net per 28,5 milioni di euro cash. Buongiorno guadagna invece il 2,7%.

* AEDES sale dell‘1,35% dopo le dichirazioni a Reuters dell‘AD che prevede effetti positivi dall‘operazione di ristrutturazione della società già dal 2011.

* Ben comprata STEFANEL (+3,97%): è stato determinato in 14 milioni di euro l‘ammontare incrementale del prezzo spettante al gruppo italiano per la cessione del 50% di Nuance a Pai Partners.

* Ancora segno negativo per AS ROMA (-11,25%) che si avvicina al prezzo dell‘Opa che sarà lanciata dalla newco Di Benedetto-UniCredit.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below