22 marzo 2011 / 09:03 / 7 anni fa

Borsa Milano chiude in lieve rialzo, giù Parmalat, bene Ansaldo

MILANO (Reuters) - La seduta di Piazza Affari si sgonfia nel pomeriggio con una chiusura poco lontana dalla parità, in sintonia con le altre borse europee e con Wall Street sullo sfondo delle tensioni in Libia.

<p>Un'immagine del palazzo che a Milano ospita la borsa. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

L‘indice FTSE Mib archivia la giornata in marginale rialzo dello 0,14%, l‘Allshare sale dello 0,11%. Volumi nel finale intorno a 2,8 miliardi di euro.

In Europa l‘indice FTSEurofirst 300 è sostanzialmente piatto.

* Protagonista in negativo della seduta è PARMALAT, in calo del 7% con forti volumi. Il mercato non crede nella contromossa di una cordata italiana dopo che Lactalis ha raggiunto un accordo per rilevare le quote in capo ai fondi Zenit Asset Management, Skagen e Mackenzie Financial Corporation, raggiungendo una partecipazione potenziale del 29%.

* Sul fronte opposto ben comprata (+3,7%) ANSALDO STS che si è aggiudicata un contratto per la metro di Honolulu da 376 milioni di dollari.

* In ordine sparso i bancari con POP MILANO che difende un progresso dell‘1,5% distaccando gli altri principali istituti.

* Tra gli assicurativi bene GENERALI, +1,3%, che secondo un trader “sta semplicemente recuperando un po’”. Nella galassia Ligresti pesante con un -8,6% MILANO ASS dopo i conti 2010 archiviati con un pesante rosso, mentre FONDIARIA-SAI cede il 2,1% e PREMAFIN sale di circa mezzo punto percentuale.

* In calo del 2,8% PRYSMIAN, su cui pesa l‘avvio di un procedimento da parte dell‘Antitrust brasiliana che la vede coinvolta insieme ad altri produttori di cavi.

* Negativa FIAT, che si sintonizza all‘andamento pesante del comparto auto europeo mentre FIAT INDUSTRIAL resta in denaro.

* Fuori dal paniere principale, in grande spolvero FIERA MILANO che oggi ha annunciato il piano industriale 2011-2014 e sale di oltre il 4%. Sotto pressione (-3,4%) IMA che ieri ha annunciato un aumento di capitale riservato a investitori qualificati in Italia e istituzionali esteri per incrementare il flottante. Da segnalare l‘impennata dell‘11,5% della CENTRALE DEL LATTE DI TORINO.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below