9 marzo 2011 / 08:40 / 7 anni fa

Borsa Milano positiva con automotive e FonSai, debole Eni

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia un‘altra seduta in rialzo, trainata da alcuni settori industriali e da qualche tema speculativo. La generale debolezza delle banche e dei petroliferi, unita all‘avvio moscio di Wall Street, però, hanno frenato i progressi nel pomeriggio.

<p>L'ingresso della borsa di Milano. REUTERS/Stefano Rellandini</p>

Milano conferma di attraversare un periodo favorevole, mettendo a segno performance migliori rispetto alle altre borse europee. Gli operatori sottolineano che l‘azionario italiano era rimasto indietro rispetto al trend positivo dei mercati maturi delle ultime settimane.

In un report dedicato all‘equity, Axa Investment Managers, ripercorrendo il rally degli indici di Wall Street negli ultimi due anni, scrive che, “nonostante le imprese americane abbiano raggiunto margini record, i mercati (maturi) dovrebbero continuare a progredire”. Ma avverte: attenzione alle dinamiche dei prezzi, perché, pur non credendo ad un‘impennata inflazionistica, “qualsiasi sorpresa negativa potrebbe portare ad una seria svalutazione degli asset a maggior livello di rischio, e dell‘azionario in particolare”. I progressi della ripresa economica, aggiunge Axa IM, si tradurranno in riduzioni della politica monetaria espansiva. “I mercati”, si legge, “cominceranno allora ad anticipare la possibilità di un cambiamento di policy monetaria in favore di tassi più elevati. Questa evoluzione sarà comunque graduale e darà sicuramente un vantaggio ai mercati sviluppati”.

In chiusura, l‘indice FTSE Mib ha guadagnato lo 0,39%, l‘AllShare lo 0,38% e il MidCap lo 0,45%. Volumi per un controvalore di circa 2,9 miliardi di euro.

* Altra giornata tonica per l‘automotive, oggetto di acquisti da qualche seduta, dopo che i dati sulle vendite dei primi due mesi hanno portato gli analisti a rivedere al rialzo le stime sul 2011. Il paniere europeo è avanzato dello 0,73%. A Milano, FIAT è salita dell‘1,16% e PIRELLI del 2,13%, proseguendo la corsa cominciata ieri dopo la pubblicazione dei risultati 2010. Tra le small e mid cap, balzi per COGEME SET (+5,92%), CAMFIN (+5,67%), SOGEFI (+4,96%) e PIAGGIO (+2,6%).

* Galassia Ligresti in volo, spinta, secondo l‘interpretazione degli operatori, dall‘attesa per la riunione del Cda di Groupama, che esamina il parere della Consob. Si scommette su una cessione di MILANO ASSICURAZIONI (+9,51%), che potrebbe rendere superfluo l‘aumento di capitale di FONDIARIA-SAI (+6,47%). PREMAFIN è avanzata del 4,03%.

* Prosegue il buon momento di LOTTOMATICA (+6,12%): ieri, l‘AD di Sisal ha detto di prevedere un incremento del 20% del valore delle scommesse in Italia nel 2011.

* Brillante FINMECCANICA (+3,75%), nel giorno del Cda che dovrebbe varare la cessione di Ansaldo Energia. “Si tratta di una operazione importante, che va a ridurre l‘indebitamento del gruppo”, dice un broker.

* ENEL GREEN POWER ha salutato con un rialzo del 2,97% la pubblicazione dei risultati 2010, arrivata però a mercato chiuso. Alcuni broker sostengono che la controllata di ENEL (+0,47%) in questa fase beneficia, così come gli altri produttori di energia da fonti rinnovabili, del balzo dei prezzi del petrolio. Nel comparto, bene KINEXIA (+3,56%), FALCK RENEW (+3,45%) e TERNIENERGIA (+3,01%). Male, però, le società maggiormente sbilanciate sul fotovoltaico, colpito dal decreto del governo sul riordino del sistema degli incentivi: K.R.ENERGY -4,95% e KERSELF -2,49%.

* Le società energetiche ‘tradizionali’ non si giovano delle impennate dei prezzi del greggio. ENI ha lasciato sul terreno l‘1% e TENARIS l‘1,35%. SAIPEM, nonostante l‘annuncio di contratti per oltre 2,2 miliardi di dollari, ha terminato piatta (+0,05%).

* Fra le società energetiche, EDISON ha guadagnato l‘1,57%, galvanizzata dalla notizia della convocazione dei consigli di A2A (+1,49%) sulla stato delle trattative con EdF in merito alla ristrutturazione di Foro Buonaparte.

* Il profit warning lanciato da Texas Instruments ha depresso STMICROELECTRONICS (-1,71%).

* Spunti per IMPREGILO (+2,62%), PARMALAT (+1,83%), MEDIASET MS.MI> (+1,55%) e TOD‘S (+1,5%).

* Tra le small cap, non si arresta il volo di MERIDIANA FLY: +15,37%.

* GEMINA ha guadagnato il 3,9% nella giornata in cui sono stati pubblicati i risultati 2010 della controllata Aeroporti di Roma.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below