2 marzo 2011 / 09:12 / tra 7 anni

Borsa Milano chiude piatta, meglio di Europa, spunti su Telecom

MILANO (Reuters) - Indici praticamente invariati a Piazza Affari che, tuttavia, dopo un‘apertura negativa ha registrato un andamento migliore di quello delle altre borse europee beneficiando di un robusto balzo di Telecom Italia.

<p>Una trader di borsa REUTERS/Jose Manuel Ribeiro</p>

Sui mercati resta alta la cautela per l‘incertezza della situazione in Medio Oriente e Nord Africa e per le continue tensioni sul petrolio. “C’è tanta volatilità e pochi ordini. In complesso si può parlare di una seduta senza grandi temi”, sintetizza un trader.

L‘indice FTSE Mib finisce salendo dello 0,05%, ben sotto i massimi, l‘AllShare dello 0,01%. Volumi per circa 3 miliardi di euro nel finale.

* Nel paniere principale FIAT fra i peggiori con un calo dello 0,83% dopo i deludenti dati sulle immatricolazioni diffusi ieri e in un contesto dei debolezza per tutto il comparto auto europeo (Stoxx -1,7%). Un poco meglio FIAT INDUSTRIAL (-0,15%). La società, nata dallo spinoff del settore non auto, punta ad azzerare il debito entro il 2013 secondo le slide preparate per incontri con il mercato.

* Bancari in lettera con MPS in calo dello 0,94%, INTESA SANPAOLO (+0,08%), BANCO POPOLARE (-0,65%) e UNICREDIT (+0,2%). Secondo una nota di Mediobanca crescono le probabilità di ricapitalizzazione per alcune banche italiane, quali Mps, Pop Milano e Intesa Sanpaolo.

* Perdite anche tra gli assicurativi: GENERALI cede lo 0,62%. Pesante PREMAFIN, 2,82% in attesa dela risposta Consob al quesito Groupama che potrebbe arrivare alla fine di questa settimana, a fronte di un leggero calo della controllata FONSAI (-0,15%).

* Anche gli industriali non sono esenti dal debole sentiment di mercato: FINMECCANICA, cedente in attesa dei conti. Fa peggio la controllata ANSALDO STS (-1,09%) dopo i risultati e stime diffuse ieri e illustrati dal management stamani. Nella peggiore delle ipotesi, la società potrebbe vedere cancellati ordini per 660 milioni di euro in Libia ma non ci sarebbe impatto sul risultato netto

* Nel FTSE MIb si distingue in positivo TELECOM ITALIA (+2,42%) sulla scia dei dati 2010 e dei nuovi obiettivi del piano industriale, mentre alcuni trader riferiscono di un rialzo del target price da parte di un broker estero. “Telecom è l‘unico tema di oggi. Il titolo continua a salire dopo i positivi risultati”, dice un trader.

* Nel settore dell‘energia, deboli ENI ed ENEL, mentre la controllata di quest‘ultima EGP ha strappato anche oggi con un balzo del 2,83%. Il ministro allo Sviluppo Economico, Paolo Romani, ha confermato che il governo è al lavoro per un decreto legislativo sulle fonti energetiche rinnovabili che garantisca incentivi al settore e il taglio di sprechi nelle bollette dei cittadini.

Bene anche TERNA (+0,42%) considerato un “classico tema difensivo”, come ricorda un trader.

* Tra i minori svetta MONTI ASCENSORI in salita del 21,8%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizia Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below