22 febbraio 2011 / 08:24 / 7 anni fa

Borse Asia-Pacifico in forte calo, pesano balzo petrolio,Libia

<p>Il petrolio &egrave; in salita, mentre i mercati azionari asiatici sono scesi quest'oggi, penalizzati dai disordini in Libia che hanno spinto gli investitori verso porti pi&ugrave; sicuri come i bond e l'oro, facendo schizzare il prezzo del prezioso metallo ai massimi da sette settimane. REUTERS/Cheryl Ravelo</p>

MILANO (Reuters) - Il petrolio è in salita, mentre i mercati azionari asiatici sono scesi quest‘oggi, penalizzati dai disordini in Libia che hanno spinto gli investitori verso porti più sicuri come i bond e l‘oro, facendo schizzare il prezzo del prezioso metallo ai massimi da sette settimane.

Il greggio Usa è salito ai massimi da due anni e mezzo sui timori che le violenze scoppiate in Libia possano portare a un taglio nella produzione da parte dei membri dell‘Opec e che la crisi possa espandersi anche ad altri produttori del Nordafrica e del Medioriente.

A Tokyo il Nikkei ha lasciato sul terreno l‘1,8%, mentre l‘indice regionale MSCI che esclude il Giappone arretra dell‘1,90%.

I titoli di diverse compagnie aeree sono scesi a causa dell‘aumento del prezzo del petrolio, con in testa Korean Air Line che ha perso oltre il 9%, mentre Daewoo Engineering & Construction ha ceduto il 6,3%. Moody’s ha ridotto l‘outlook sul Giappone a negativo da stabile, mettendo in guardia dal fatto che la politica del governo potrebbe non essere sufficiente a ridurre il debito. Secondo gli analisti, tuttavia, il mercato non ha reagito al taglio del rating.

In Cina il processo di convertibilità dello yuan potrebbe subire un‘accelerazione di pari passo con la crescente domanda di transazioni commerciali in valuta cinese, ha detto un altro funzionario della Pboc..

Andando sui singoli mercati, HONG KONG e SHANGHAI hanno lasciato sul terreno oltre il 2%, penalizzati dalla debolezza dei mercati globali e dai ribassi delle società petrolifere sui timori di un balzo del prezzo del petrolio e dell‘inflazione.

A Hong Kong Alibaba cede oltre il 10% dopo che la più grande aziende di e.commerce cinese ha sostituito l‘AD a seguito di un incremento delle transazioni fraudolenti.

SINGAPORE cede l‘1,5%, il livello più basso da settembre. Sale in controtrend Ramba Energy (+4,1%) sulla notizia che la società si aspetta di raddoppiare la produzione di gas.

Contiene il calo sotto l‘1% la borsa di SYDNEY, penalizata dal ribasso delle banche e degli assicurativi e dalla forte scossa di terremoto che ha colpito la seconda città della vicina Nuova Zelanda Christchurch uccidendo 65 persone. In controtrend Bhp Billiton, in netto rialzo, sull‘annuncio dell‘acquisizione del giacimento di gas naturale di Chesapeake Energy in Arkansas per 4,75 miliardi di dollari in contanti, entrando così nel business dello shale gas.

Sul sito www.reuters.it le altre notizia Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below