16 febbraio 2011 / 11:18 / tra 7 anni

Auto Europa, Lingotto: Fiat soffre per fine effetto incentivi

TORINO (Reuters) - In un mercato europeo dell‘auto che inizia l‘anno in lieve frenata (-1,4%) il gruppo Fiat Automobiles sconta la fine dell‘effetto incentivi che aveva spinto le vendite nel gennaio 2010 e registra una flessione del 20,1%.

“Anche per Fiat Group Automobiles il 2011 è iniziato con un segno negativo, essenzialmente a causa di due fattori: innanzitutto il consistente calo di alcuni importanti mercati (in particolare l‘Italia e la Spagna) e soprattutto il fatto che a gennaio 2010 la gamma FGA di vetture a basso impatto ambientale beneficiava ancora e in maniera molto forte degli eco-incentivi attuati da numerose nazioni europee”, spiega una fonte del Lingotto.

“In un generale contesto di calo delle immatricolazioni per FGA nei principali mercati, fa eccezione la Francia dove il gruppo ha aumentato i volumi di vendita dell‘11,4%, ottenendo una quota del 4%, in aumento rispetto al 3,9% di un anno fa. Va inoltre segnalato il positivo trend di crescita ottenuto in Olanda, dove i volumi sono cresciuti a gennaio del 73,8% (dopo il +43,5% del 2010) in un mercato che cresce del 19,5%”, prosegue la fonte.

La mancanza di incentivi alla rottamazione nei principali mercati europei ha condizionato in modo particolare il brand Fiat. A gennaio il marchio ha immatricolato 59.500 vetture, il 26,3% in meno rispetto a un anno fa, ottenendo una quota del 5,6%, in calo di 1,8%. “Tuttavia, va segnalato il trend in crescita degli ultimi mesi: infatti, la quota era stata del 5,2% a novembre e del 5,1% a dicembre”, dice la fonte.

Il risultato del marchio Lancia “è stato decisamente penalizzato dal forte calo del mercato italiano, dove il marchio ottiene da sempre i suoi maggiori volumi”. A gennaio Lancia vende in Europa 7.700 le vetture, in calo del 23,5% rispetto a un anno fa, per una quota dello 0,7% (-0,2%). “I risultati di gennaio sono comunque allineati con quelli ottenuti negli ultimi mesi del 2010”.

Come negli ultimi mesi del 2010 Alfa Romeo, che dispone di un prodotto fresco come Giulietta, muove in controtendenza.

Con oltre 12.200 immatricolazioni, il brand aumenta i volumi di vendita del 38,7% e porta quota di mercato a 1,1% (+ 0,3%). “La Giulietta è la principale protagonista di questa crescita: a nove mesi dalla commercializzazione l‘ultima nata in casa Alfa Romeo è già stata acquistata da ben 40 mila clienti in tutta Europa”, spiega la fonte.

Gianni Montani

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below