29 dicembre 2010 / 11:26 / tra 7 anni

Forex, Intesa SP: nel 2011 euro e sterlina sotto pressione

MILANO (Reuters) - Nel 2011 i cambi sui mercati valutari dovrebbero iniziare a riallinearsi con i fondamentali, ma il tema del risanamento dei conti pubblici e quello dei “periferici” incideranno negativamente sull‘euro.

E’ quanto emerge da uno studio di Intesa Sanpaolo sul forex.

Nel dettaglio, il prossimo anno l‘andamento del dollaro sarà condizionato dalle iniziative della Federal Reserve Usa ma mediamente resterà vicino a livelli del 2010, “anche se il percorso potrebbe essere molto accidentato”. Il biglietto verde sarà influenzato da una parte dalla necessità di stimolare l‘economia e dall‘altra da quella di risanare i conti pubblici.

L‘euro invece sarà condizionato negativamente dalla crescita dell‘area euro, che non riuscirà a sganciarsi da quella Usa, dai problemi del debito sovrano dei periferici e dall‘attenuazione del contrasto tra Bce e Fed nella gestione delle rispettive politiche monetarie, che quest‘anno ha danneggiato il dollaro rispetto alla moneta unica.

La sterlina invece potrebbe registrare un “cedimento” nel 2011, determinato dal processo di rientro del disavanzo pubblico.

Lo yen dovrebbe invertire il trend e deprezzarsi, ma meno di quanto atteso quest‘anno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below