28 dicembre 2010 / 07:11 / 7 anni fa

Borse Europa, indici positivi, ma restano timori tassi Cina

LONDRA (Reuters) - L'azionario europeo è in 
lieve rialzo, fra scambi estremamente sottili, anche se gli 
analisti ritengono che l'aumenti dei tassi in Cina possa mettere 
sotto pressione i titoli minerari e quelli legati alle materie 
prime nei prossimi mesi.
Chiusa la borsa di Londra.
Sabato la banca centrale cinese ha aumentato i tassi per la 
seconda volta in due mesi circa per far fronte all'inflazione. I 
tassi di riferimento sui prestiti e quello sui depositi sono 
saliti di 25 punti base al 5,81% e al 2,75%.
"Sarà una seduta tranquilla perchè molti trader sono in 
vacanza, ma ci sono diverse questioni aperte", dice Koen De 
Leus, strategist di KBC Securities, a Bruxelles. "Cina è un buon 
indicatore di quello che faranno le materie prime. Prevedo una 
correzione sulle materie prime nei prossimi mesi".
Alle 9,30, tra i singoli listini, Parigi sale dello 
0,3%, Francoforte dello 0,03%. Londra è chiusa.
Tra i titoli in evidenza:
* Bene le costruzioni, con HEIDELBERGCEMENT in 
rialzo dello 0,7% e HOLCIM a +0,4%.
* ALCATEL LUCENT SA sale dell'1,7%, dopo un 
accordo con le autorità Usa, che comporta un pagamento di oltre 
137 milioni di dollari, nell'ambito di un caso di corruzione per 
conquistare commesse in America Latina e Asia.
Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

<p>Operatori di mercato a lavoro alla Borsa di Francoforte. REUTERS/Remote/Kirill Iordansky</p>
0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below