29 novembre 2010 / 16:31 / tra 7 anni

Borsa Usa in calo su timori crisi Europa, male ciclici, ok FedEx

NEW YORK (Reuters) - Gli indici di Wall Street viaggiano in ribasso, zavorrati dai timori che la crisi del credito si propaghi in Europa, nonostante il week-end scorso abbia visto il raggiungimento di un accordo per il salvataggio dell‘Irlanda.

L‘euro è scivolato ai minimi da oltre due mesi nei confronti del dollaro, rompendo un livello di supporto chiave.

Le preoccupazioni che piegano le ginocchia ai mercati europei pesano soprattutto sulle società che hanno una forte presenza globale, come Exxon Mobil, che perde circa mezzo punto percentuale, Ibm, in ribasso di oltre l‘1%, e Johnson & Johnson, che cede l‘1,3% circa.

Male i comparti ciclici, come quelli legati alle materie prime: Newmont Mining cede quasi due punti percentuali.

FedEx guadagna oltre il 2% dopo che Credit Suisse ne ha incrementato il rating.

Fra gli altri titoli in evidenza, Voltaire balza del 35% circa: Mellanox Technologies, in calo del 4% circa, ne ha comunicato l‘acquisizione per 218 milioni di dollari.

Starbucks arretra di oltre due punti percentuali dopo aver rotto la partnership con Kraft Foods, che lascia sul terreno oltre punto percentuale, accusando il colosso alimentare di cattiva gestione delle vendite di caffè confezionato. Kraft ha replicato contestando la violazione del contratto e chiedendo un arbitrato.

Attorno alle 19 italiane, il Dow Jones perde l‘1,01%, lo S&P 500 lo 0,86% e il Nasdaq l‘1,11%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below