11 novembre 2010 / 19:48 / tra 7 anni

Generali, miglior trim3 da crisi, vede 2010 in progresso

MILANO (Reuters) - Generali mette a segno il miglior terzo trimestre dall‘inizio della crisi finanziaria con un utile netto di 440 milioni, in crescita del 12,7%, che porta il dato cumulato dei nove mesi a 1,313 miliardi (+46,8%).

<p>Il logo di Generali a Parigi. REUTERS/Charles Platiau</p>

L‘utile netto del terzo trimestre è in linea con quanto elaborato in un sondaggio Reuters con 13 analisti.

Per l‘intero anno è confermato il target sull‘utile operativo nel range tra 3,6 e 4,2 miliardi. Il dato - che nei nove mesi è già a quota 3,2 miliardi (+11,4%) - sarà “più vicino” alla parte alta, ha spiegato in conference call il Cfo Raffaele Agrusti.

Si prevede inoltre “una crescita dei margini operativi del gruppo e del risultato netto rispetto ai livelli del 2009”, dice una nota. “Tenuto conto dell‘attuale scenario finanziario, nel settore vita si prevede una raccolta in crescita, sebbene con ritmi inferiori a quelli registrati nei primi mesi dell‘anno”, prosegue il comunicato.

Non cambierà la politica di dividendi, ha aggiunto Agrusti.

La raccolta premi evidenzia un rialzo del 5,8% a 53,8 miliardi grazie a un aumento dell‘8% nel ramo vita a 37,3 miliardi e a un +1% dei danni a 16,6 miliardi.

Al 30 settembre scorso il ‘combined ratio’ risulta pari a 98,8% rispetto a 97,9% un anno prima.

Quanto al versante patrimoniale, il patrimonio netto mostra un miglioramento di 9,3% a 18,2 miliardi rispetto ai 16,7 miliardi al 31 dicembre 2009.

“L‘indice di Solvency I migliora al 150% rispetto a 142% di fine 2009” dice la nota.

Grazie all‘ottimo risultato della raccolta netta vita pari a 12,6 miliardi (+12,7%, 11 miliardi al 30 settembre 2009), le riserve tecniche nette vita, comprensive degli ‘investments contracts’, crescono del 6,8% a 306 miliardi (286 miliardi al 31/12/2009). Nel dettaglio, le riserve ‘unit linked’ salgono del 12% mentre quelle tradizionali del 5,9%”.

Il titolo a Piazza Affari non ha reagito bene ai risultati del trimestre, perdendo il 2,58% a 15,49 euro contro uno stoxx del settore in Europa che ha ceduto l‘1,19%.

“I risultati sono sotto le attese, in particolare l‘utile netto nel terzo trimestre”, è stato il commento a caldo di un trader.

Secondo un report di una grande banca anglosassone i risultati sono “misti”: i guadagni del ramo vita controbilanciano le perdite nel segmento non vita.

“Occorrerà un qualche miglioramento nel quarto trimestre nei termini di attività ‘nat-cat’ (legate alle catastrofi naturali) nel segmento non vita per raggiungere le nostre stime sull‘intero anno”, aggiunge una nota di un‘altra banca estera.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below