1 novembre 2010 / 10:59 / 7 anni fa

Greggio sopra 82 dlr/barile per debolezza dollaro, dati Cina

LONDRA (Reuters) - Il prezzo del greggio è salito sopra gli 82 dollari al barile, per effetto delle attese di un intervento di stimolo monetario della Federal Reserve che ha spinto al ribasso il biglietto verde.

L‘oro nero ha inoltre trovato un robusto supporto nel dato della manifattura cinese, il secondo paese al mondo per consumi.

“Il dollaro si è indebolito e i dati cinesi sono una buona ragione per il rialzo del mercato”, ha detto Christopher Bellew, broker per Bache Commodities a Londra.

L‘attenzione degli investitori guarderà anche al dato Usa, previsto per le 15,00, delle spese per costruzioni di settembre.

“In generale il mercato ha una tendenza laterale, e ci avvicineremo al massimo del range in zona intorno agli 85 dollari. Se il dollaro si dovesse nuovamente rafforzare, potremmo scendere di nuovo verso gli 80 dollari”, ha aggiunto il broker.

Intorno alle 11,50 il contratto Usa scambia a 82,14 dollari al barile, in rialzo dello 0,87% o 71 centesimi, mentre quello sul Brent è a quota 83,86 dollari, su dello 0,87% o 72 centesimi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below