28 ottobre 2010 / 15:35 / 7 anni fa

Draghi: ripresa a rischio senza cooperazione su cambi

di Giselda Vagnoni

<p>Banconote di euro e di yen REUTERS/Francois Lenoir</p>

ROMA (Reuters) - Il governatore della Banca d‘Italia Mario Draghi ha detto che la ripresa mondiale è a rischio se tra le principali economie non si raggiunge un maggior grado di collaborazione sui cambi.

In un intervento alla giornata mondiale del risparmio Draghi ha anche chiesto che le nuove norme europee sulla disciplina di bilancio, oggi in discussione al vertice Ue, costringano le economie più deboli ad intraprendere le riforme necessarie.

“La ripresa dell‘economia è forte nei paesi emergenti, debole negli Stati Uniti, diseguale nell‘area dell‘euro”, ha detto Draghi che fa parte anche del consiglio Bce.

“Interventi sui cambi sono utilizzati in alcuni Paesi per sostenere le esportazioni”, secondo il governatore.

“Gli squilibri nei pagamenti internazionali tornano ad ampliarsi; le valute, come l‘euro, il cui cambio è lasciato alla determinazione del mercato risentono del divaricarsi delle politiche e delle conseguenti tensioni speculative; la stessa ripresa è a rischio”, ha aggiunto.

Gli impegni presi nell‘ultimo G20 finanziario per ridurre gli squilibri nelle partite correnti delle bilance dei pagamenti entro livelli sostenibili sono il “risultato di una effettiva ancorché difficile e necessariamente dialettica, consapevolezza della inevitabilità di un‘azione collettiva”.

Draghi, che è anche presidente del Financial stability board, ha annunciato che ”nel corso del prossimo anno “l‘Fsb identificherà quelle che sono le Sifi [Systematically important financial institutions] sulla base degli indicatori qualitativi e quantitativi indicati dal comitato di Basilea ma non solo”.

L‘Fsb - ha spiegato ancora Draghi - presenterà al prossimo summit del G20 un insieme di proposte volte a costruire un ambiente istituzionale e regolamentare in cui sia accresciuta la capacità delle Sifi di assorbire perdite ingenti senza entrare in crisi conclamata, e si permetta ai governi di lasciarle fallire quando è necessario.

GERONZI: DRAGHI SAREBBE OTTIMO PRESIDENTE BCE

Draghi è considerato uno dei candidati per la presidenza della Banca centrale europea al termine del mandato di Jean-Claude Trichet il prossimo anno.

Oggi il governatore ha ricevuto l‘apprezzamento anche del presidente di Generali Cesare Geronzi, che a margine della giornata del risparmio ha risposto ai giornalisti che lo vedrebbe “benissimo” alla guida della politica monetaria europea.

Sulle questioni europee Draghi si è detto favorevole a “regole europee quasi automatiche, dall‘azione rapida e sensibile ai segnali dei mercati” da cui i paesi più deboli potrebbero trarre la determinazione che loro manca per risolvere i loro problemi di politica economica.

Draghi ha tuttavia sollecitato l‘Europa a focalizzarsi sulla crescita “senza la quale non si ripagano i debiti”.

“Questo è il fronte su cui verrà saggiata la coesione dell‘Unione: la capacità di promuovere una crescita armonica, sostenuta, durevole, che veda tutti partecipi, anche con regole comuni che, analogamente a quanto fatto per i bilanci pubblici, aiutino i paesi più lenti a intrasprendere quelle riforme strutturali che sono loro necessarie per tornare a crescere”.

Parlando dell‘Italia il governatore ha confermato che le prospettive per la crescita del Pil, quest‘anno e il prossimo, non si discostano di molto dall‘1%”.

“Nel prossimo semestre essa ha tratto beneficio dall‘aumento delle esportazioni, che stanno ora rallentando”.

In base ai dati della Banca d‘Italia, il tasso di disoccupazione italiano, considerando anche i lavoratori in cassa integrazione e gli inattivi, cioè coloro che per sfiducia hanno smesso di cercare un‘occupazione, supera l‘11%, al livello della Francia e superiore a quello di Gran Bretagna e Germania.

Secondo Draghi “la condizione del mercato del lavoro è il tema centrale, da analizzare guardando a tutti gli indicatori e a tutte le buone fonti informative disponibili”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below