28 ottobre 2010 / 08:38 / tra 7 anni

UniCredit, Palenzona nega uscita Rampl. Lui: mandato fino a 2012

ROMA/MILANO (Reuters) - Le ipotesi di dimissioni del presidente di Unicredit Dieter Rampl sono state smentite seccamente dal rappresentante di una delle Fondazioni azioniste e dall‘AD della banca.

Dal canto suo, il diretto interessato ha ricordato la scadenza del suo mandato al 2012. “Per quanto ne so sono eletto dall‘assemblea fino all‘aprile 2012”, ha dichiarato Rampl stamane.

Fabrizio Palenzona, vice presidente della banca in rappresentanza della Fondazione Crt nell‘istituto, ha detto che queste ipotesi “sono tutte fesserie”, mentre Ghizzoni ha “assolutamente” smentito la possibilità di uscita del presidente della banca.

Le ipotesi di un‘uscita di Rampl sono state imputate alla presunta insoddisfazione per la nuova governance che ha determinato il ridimensionamento dell‘investment banking e le dimissioni del deputy Ceo e capo del corporate di Unicredit, Sergio Ermotti, che Rampl aveva fortemente appoggiato.

Palenzona si è invece detto “molto soddisfatto”, della nuova governance che accanto al nuovo AD Federico Ghizzoni ha premiato con il ruolo di unico direttore generale Roberto Nicastro, responsabile retail della banca.

Il titolo di Piazza Cordusio alle 11,55 guadagna in borsa lo 0,53% a 1,896 euro.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below