26 ottobre 2010 / 06:59 / 7 anni fa

Borse Asia-Pacifico, cedenti su dollaro fermo, bene Taiwan,Seoul

MILANO (Reuters) - Prevale il segno meno sulle 
principali piazze dell'Asia-Pacifico, anche se l'indice MSCI di 
riferimento resta in prossimità dei massimi 
degli ultimi 28 mesi toccati la settimana scorsa.
A deprimere alcuni listini è oggi la stabilità del dollaro, 
con i dealer che realizzano i guadagni sull'euro mentre si fa 
vivo il dibattito sulle prossime mosse monetarie della Federal 
Reserve. Dopo che il vertice del G20 del fine settimana si è 
concluso senza concordare alcuna iniziativa concreta per 
rispondere al rischio di svalutazioni competitive, gli 
investitori hanno continuato a vendere dollari scommettendo che 
ulteriori acquisti di titoli di stato da parte della Fed 
deprimeranno ulteriormente il biglietto verde. Ma gli esponenti 
della Fed non hanno rilasciato dichiarazioni coerenti sul 
possibile "quantitative easing 2", sollevando dubbi nel mercato 
sull'entità della manovra.
Intorno alle 8,40 l'indice del dollaro è poco mosso, 
anche se si mantiene vicino ai minimi di quindici anni di 80,41 
yen e non lontano dal minimo record di 79,75 yen.
L'indice regionale MSCI, che esclude la borsa di Tokyo, 
perde lo 0,14% dopo che il Nikkei ha ceduto lo 0,25%. 
Governativi giapponesi depressi dalle prese di beneficio.
Risparmiate dalle vendite TAIWAN e SEOUL. A 
Taipei la borsa ha chiuso ai massimi degli ultimi 9 mesi, spinta 
dal rally di Wall Street che ha premiato HTC. 
Timidamente positiva la piazza sudcoreana, dove gli investitori 
hanno tirato il fiato dopo i massimi degli ultimi 34 mesi 
raggiunti ieri. Pressoché piatta HONG KONG e volatile 
SHANGHAI: su entrambe le piazze pesano i finanziari, in 
vista delle trimestrali attese in settimana; ma gli energetici 
guadagnano terreno sull'aumento dei prezzi del carburante in 
Cina. Cedente la borsa di SINGAPORE, come quella indiana, 
mentre accusa perdite leggermente più pronunciate SYDNEY; qui arretra la società-mercato della borsa australiana 
ASX, ieri sugli scudi dopo l'annuncio di un'offerta 
amichevole da parte di Singapore Exchange. Il mondo 
della politica ha infatti sollevato dubbi sull'operazione, 
mettendo in forse il proprio placet.
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano
Top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below