12 ottobre 2010 / 06:30 / 7 anni fa

Francia: sciopero contro pensioni,raffinerie quasi ferme

PARIGI (Reuters) - Gli studenti e i lavoratori francesi hanno dato il via oggi a una nuova ondata di scioperi contro la riforma delle pensioni, mettendo alla prova la risolutezza del governo del presidente Nicolas Sarkozy mentre l‘impopolare progetto si avvia a diventare legge.

<p>Una manifestazione di protesta contro la riforma delle pensioni, lo scorso 2 ottobre. REUTERS/Gonzalo Fuentes</p>

I lavoratori dei principali porti e di otto delle 12 raffinerie sono in sciopero, rischiando di portare il paese vicino alla mancanza di gasolio e benzina nelle pompe.

Treni, aeroporti e porti funzionano a scarto ridotto mentre i sindacati sperano di alzare la posta nella loro lunga sfida contro le misure che prevedono un innalzamento dell‘età minima pensionabile da 60 a 62 anni.

Il sindacato francese Cfdt dice che 3,5 milioni di persone hanno protestato in tutto il Paese contro la riforma delle pensioni di Sarkozy, mentre la polizia non ha fornito cifre.

I disagi a livello nazionale sono un serio banco di prova per la leadership di Sarkozy mentre tenta di spingere su una riforma che è un cavallo di battaglia della sua presidenza.

“Abbiamo raggiunto il limite delle (concessioni) possibili”, ha detto il primo ministro Francois Fillon ai membri del partito Ump di Sarkozy.

Lo sciopero ha dimezzato i voli dai principali aeroporti di Parigi, mentre viaggia circa uno treno Tgv su tre, benché il servizio internazionale sia più frequente. La metropolitana funziona a servizio ridotto e la torre Eiffel è stata chiusa nel pomeriggio per mancanza di personale.

La protesta odierna ha fermato anche otto delle 12 raffinerie francesi, provocando il blocco di buona parte delle forniture petrolifere, hanno detto i sindacati. Mentre al porto di Fos-Lavera i lavoratori sono entrati nel sedicesimo giorno consecutivo di sciopero che sta paralizzando il terzo hub petrolifero del mondo, portando quasi alla chiusura le vicine raffinerie.

Una serie di proteste nelle ultime settimane ha radunato milioni di dimostranti. La speranza dei sindacati è che la protesta di oggi raccolga più dei tre milioni di lavoratori che, secondo le stime, hanno partecipato alle manifestazioni dei gironi scorsi.

Le proteste sono state provocate dall‘approvazione ieri da parte del Senato della legge che innalza l‘età per accedere alla pensione piena da 65 a 67 anni.

I sindacati hanno indetto un nuovo giorno di sciopero per il 16 ottobre e domani si incontreranno nuovamente per rivedere la loro posizione.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below