22 settembre 2010 / 13:20 / tra 7 anni

Banche, impieghi agosto +3,29% su anno, sofferenze oltre 70 mld

ROMA (Reuters) - Gli impieghi complessivi delle banche italiane al settore privato hanno registrato nel mese di agosto un incremento annuo del 3,29% rispetto al +2,51% di luglio, a 1.632 miliardi di euro dopo i 1.633,9 miliardi di luglio. Lo si legge nel rapporto Abi di settembre.

Continuano a crescere, secondo i dati aggiornati a luglio, le sofferenze sia al lordo che al netto delle svalutazioni e portano il rapporto tra sofferenze nette ed impieghi al 2,19% e quello al lordo delle svalutazioni al 4% “in forte crescita dal 2,9% di un anno prima”.

DINAMICA PRESTITI IN ACCELERAZIONE, TASSI MUTUI A MINIMI

“La dinamica dei prestiti bancari ha manifestato, ad agosto una lieve accelerazione” con un tasso di crescita tendenziale pari al +3,29% mentre era +1,9% ad agosto 2009.

Rispetto ad agosto 2009 il flusso netto di nuovi prestiti è stato di circa 50 miliardi di euro. Ad agosto 2009 gli impieghi erano pari a 1.518,2 miliardi ed erano cresciuti dell‘1,85% sull‘anno prima.

Quanto ai tassi praticati a imprese e famiglie per le nuove operazioni, ad agosto 2010 il tasso sui prestiti in euro alle società non finanziarie si è posizionato al 2,30% (-23 punti base rispetto ad agosto 2009), mentre il tasso sui prestiti in euro alle famiglie per l‘acquisto di abitazioni è risultato pari al 2,60% (-64 punti base rispetto ad agosto 2009). Questo tasso sintetizza l‘andamento dei tassi fissi e variabili ed è influenzato anche dalla variazione della composizione fra le erogazioni in base alla tipologia di mutuo.

CRESCITA SOFFERENZE, LORDE OLTRE 70 MLD, NETTE OLTRE 40 MLD

Il rapporto Abi di settembre evidenzia ancora una crescita delle sofferenze, secondo dati aggiornati a luglio.

Nell‘ultimo anno le sofferenze al lordo delle svalutazioni sono cresciute a luglio 2010 del 38,51% a 70,061 miliardi di euro, “circa 1,5 miliardi in più rispetto a giugno 2010 e 19,5 miliardi in più rispetto a luglio 2009. In rapporto agli impieghi esse risultano pari a quasi il 4% a luglio 2010, in forte crescita dal 2,9% di un anno prima”, si legge nel rapporto.

Le sofferenze al netto delle svalutazioni a luglio 2010 sono state pari a 40,6 miliardi, 1,3 miliardi in più su giugno e 12,4 miliardi sopra il dato di luglio 2009, con un incremento annuo del 43,8%.

Le sofferenze nette in relazione agli impieghi sono salite al 2,19% dall‘1,61 di luglio 2009 e dal 2,11 di giugno 2010.

RESTA CONTENUTO DIFFERENZIALE TASSI PRESTITI E RACCOLTA

Nel mese di agosto il differenziale tra il tasso medio dell‘attivo in euro su famiglie e società non finanziarie, pari al 3,50%, e il tasso medio della raccolta dalla stessa tipologia di clientela, pari all‘1,42% è stato pari a 208 punti base, in calo dai 213 punti base rispetto ad agosto del 2009.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below