22 settembre 2010 / 13:15 / tra 7 anni

Nucleare, Clini: con centrali ci sarà pressione su altre fonti

ROMA (Reuters) - Con l‘avvio del programma nucleare le altre fonti combustibili rischiano di essere messe sotto pressione.

<p>Il reattore di una centrale nucleare Enel nella Repubblica Slovacca. REUTERS/David W Cerny</p>

Lo ha detto il direttore generale per lo sviluppo sostenibile del ministero dell‘ambiente, Corrado Clini ad un seminario sul nucleare organizzato con l‘Ambasciata francese.

“Il nucleare toglierà spazio ai combustibili fossili: questo rende difficle immaginare uno sviluppo dei combustibili fossili. Noi stiamo lavorando per assicurarci nel futturo un aumento delle forniture di gas naturale e carbone, ma questa rischia di essere una politica inconciliabile con lo sviluppo del nucleare: si potrebbe avere una sovraccapacità di offerta inconcilibaile con lo sviluppo del nucleare”, ha detto Clini nel suo intervento.

Il direttore del ministero dell‘Ambiente ha ricordato che i contratti per le forniture di materie prime sono di lungo periodo e spesso richiedono investimenti in infrastrutture che hanno piani di ammortamento lunghi decenni che rischiano di essere poi messi “sotto pressione dallo sviluppo del nucleare”.

Clini ha ricordato che le energie rinnovabili e il nuclerare dovranno poter contare sul dispacciamento obbligatorio che toglierà spazio all‘energia prodotta da materie prime fossili.

Clini ha anche affermato che con le attuali procedure per autorizzare una centrale nucleare si rischia di dover fare il gioco dell‘oca rallentando l‘intera procedura autorizzativa.

Per l‘attuale legislazione ci vogliono 34 documenti per arrivare a dare il via libera ad una centrale e sono documenti che richiedono il concerto e sono collegati fra di loro: “Quello che si può dire è che c’è il rischio del gioco dell‘oca con documenti approvati che invece devono tornare alla casella iniziale. Bisogna avviare le procedure, ma al tempo stesso riconsiderare l‘architettura normativa”, ha detto Clini presentando il lavoro che compete al suo ministero.

Clini ha poi aggiunto che nelle leggi “sono previste scadenze impraticabili: molte scadenze non sono già state rispettate”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below