25 agosto 2010 / 16:30 / tra 7 anni

Eni conferma trattativa con governo kazako su cessione quota gas

RIMINI (Reuters) - L‘amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni conferma di essere in trattativa con il governo del Kazakistan per ridurre la quota detenuta nel giacimento di gas di Karachaganak.

<p>Paolo Scaroni, amministratore delegato di Eni, in foto d'archivio. REUTERS/Sebastien Pirlet</p>

Il top manager non fornisce però indicazioni sulla quota in discussione e che secondo alcune fonti vicine alla vicenda sarebbe del 10%.

“Confermo la trattativa, non confermo la quota del 10%”, ha detto Scaroni a margine del meeting dell‘Amicizia.

Una fonte vicina alle trattative ha detto che Karachaganak Petroleum Operating (KPO), il gruppo costituito da Eni, British Gas, Chevron e Lukoil hanno discusso i termini della vendita di una quota del 10% al governo kazako lo scorso 19 luglio senza arrivare però ad un accordo definitivo.

“Le società hanno detto che avrebbero trasferito il 5% allo stato se questo abbandona il progetto di reintrodurre i dazi all‘esportazione di petrolio o lascia cadere la causa da oltre un miliardo di dollari sulla sopravvalutazione dei costi”, ha detto la fonte.

“Il Kazakistan acquisterà il restante 5% in contanti”, ha aggiunto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below