5 agosto 2010 / 07:39 / tra 7 anni

Borse Asia Pacifico piatte, focus su trimestrali, Usa

MILANO (Reuters) - Le principali piazze dell‘area Asia-Pacifico sostanzialmente piatte, con le solide trimestrali di Toyota e della costruttrice di chip Umc a fare da supporto assieme ai dati targati Usa che hanno risollevato le sorti del dollaro dal minimo a otto mesi sullo yen.

<p>Un uomo in una banca di Taipei controlla l'andamento delle Borse. REUTERS/Pichi Chuang (TAIWAN)</p>

“Non è solo il settore servizi, la parte più ampia delle economie moderne, a espandersi, lo sta facendo a un passo più veloce”, ha detto Adam Carr, economista senior per il broker Icap, facendo riferimento ai dati Usa.

Intorno alle 8,45 italiane, l‘indice MSCI delle Borse asiatiche, che esclude Tokyo, cede lo 0,08%, mentre il Nikkei ha chiuso in rialzo dell‘1,73%.

HONG KONG e SHANGHAI scontano la decisione di Pechino che ha ordinato nuovi stress test sulle banche e regole più rigide nel settore mutui, segnale che il governo ha tutta l‘intenzione di contenere la speculaizone immobiliare. Gli stress test prevedono uno scenario con il crollo fino al 50% dei prezzi delle case. Sono inoltre stati vietati i mutui a chi vuole comprare una terza casa in città come Pechino, Hangzhou, Shanghai e Shenzhen.

TAIWAN cede lo 0,45%, con gli investitori che hanno optato per dei realizzi dopo che l‘indice ha toccato il suo massimo a tre mesi. Umc avanza dello 0,7% dopo una solida trimestrale con un utile netto a 5,27 miliardi di dollari taiwanesi contro le attese di 4,68 miliardi.

SEOUL cede lo 0,3%, dopo aver nuovamente toccato il suo massimo dell‘anno, per effetto delle vendite degli investitori stranieri concentrate soprattutto sui bancari, a partire da Woori Finance giù del 2,7%.

SYDNEY avanza dello 0,54%, trascinata dai minerari, con la produttrice di carbone Whitehaven Coal in rialzo di quasi il 6% per effetto di voci di un possible takeover.

La borsa indiana sale dello 0,12%, testanto la resistenza del suo massimo a 30 mesi, nonostante la lieve flessione del colosso dell‘energia Reliance Industries disposto a spendere 392 milioni di dollari per acquisire il 60% di una joint venture con Carrizo Oil & Gas per lo sviluppo di gas da scisti, il suo terzo investimento negli Usa questo anno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below