30 luglio 2010 / 07:34 / 7 anni fa

Borsa Milano volatile, chiude in calo, male Bulgari, sale Enel

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in lieve calo una seduta con gli indici in balia dei dati Usa: prima in netto ribasso sulla crescita del Pil al di sotto delle attese, poi in deciso recupero fino ad annullare le perdite a seguito dell‘indice Pmi di Chicago di luglio, sorprendentemente sopra le stime, che ha spinto gli investitori nuovamente sulla borsa.

<p>Un uomo fuori dalla Borsa di Milano. REUTERS/Stefano Rellandini ( ITALY )</p>

“E’ stata una seduta volatile a seguito dei dati Usa: il Michigan ha fatto dimenticare la delusione per il dato sul Pil, comunque alla fine si è preferito vendere anche in vista dell‘esodo estivo”, commenta una trader.

L‘indice FTSE Mib cede lo 0,36%, l‘AllShare lo 0,41% e il Mid Cap lo 0,74%. Volumi pari a circa 2,2 miliardi di euro nel finale.

Tra i titoli in evidenza:

* BULGARI la peggiore del listino con un calo del 4,22%, attribuiti dai trader a risultati non negativi, ma poco entusiasmanti. Kepler, considera “sotto le nostre attese” l‘ebit del trimestre e aggiunge che “il mercato potrebbe essere deluso dalla mancanza di belle sorprese”.

* Giù anche AUTOGRILL in ribasso dell‘1,5% penalizzato dal dato sull‘utile netto del trimestre peggiore delle attese.

* Attribuiti invece alle prese di beneficio i cali di TELECOM ITALIA, che perde il 2,93%, PIRELLI, a -2,01%, e GEOX a -0,23%.

* ANSALDO STS rimbalza dello 0,65% dopo aver perso quasi il 20% sui risultati nel giro di poche sedute.

* In forte calo i cementieri, settore colpito dall‘annuncio del leader mondiale dei cementieri, la francese Lafarge, di una riduzione delle stime sulla domanda di quest‘anno e di un calo dei profitti nel primo semestre 2010. Perde il 3% ITALCEMENTI dopo i risultati che non sono piaciuti al mercato, contiene a -0,7% il passivo BUZZI.

* Allunga il passo EXOR, con un balzo dell‘1,66%, LUXOTTICA in salita dell‘1,42%.

* Balza dell‘1% ENEL, all‘indomani di una trimestrale ben accolta dai mercati e da Kepler, che ne migliora le stime di Ebitda 2010 alla luce delle parole dell‘AD Fulvio Conti, che la vede “più vicina a 17 che a 16 miliardi di euro”.

* Tra le mid e small cap, sempre brillante ma in ripiego dai massimi PRAMAC, a +1,78% dopo l‘approvazione del piano per i prossimi quattro anni. Strappa anche ZIGNAGO VETRO (+4,8%).

* Cedono oltre il 3% PIQUADRO e ANTICHI PELLETTIERI.

Male BASIC NET (-7,46%) dopo i risultati del semestre che mostrano una contrazione degli utili.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below