22 luglio 2010 / 10:47 / 7 anni fa

Federalismo, Tremonti: governo studia cedolare secca su affitti

ROMA (Reuters) - Il governo conferma che sta studiando come introdurre una cedolare unica sugli affitti nell‘ambito del federalismo municipale.

<p>Il ministro di Economia Giulio Tremonti in foto d'archivio. REUTERS/Yuri Gripas</p>

Lo ha ribadito il ministro dell‘Economia, Giulio Tremonti, in conferenza stampa a Palazzo Chigi.

“Stiamo studiando la cedolare secca sugli affitti, pensiamo di dare un grande recupero di gettito ai comuni”, ha detto Tremonti.

Il ministro nega che il governo voglia fare marcia indietro sull’annunciata imposta municipale unica, come ipotizzato oggi dal Corriere della Sera.

Per i comuni, il governo vuole presentare il decreto attuativo entro fine mese e comunque prima della pausa estiva. L‘idea, ha ribadito Tremonti, consiste nel devolvere i gettiti provenienti “dai tributi che insistono sugli immobili ubicati nell‘area di competenza, come le tasse di registro, le tasse ipotecarie, catastali e l‘Irpef”.

Uno dei nodi ancora aperti riguarda il fondo perequativo, che sarà oggi oggetto di confronto al Tesoro con l‘Anci.

“Allo studio c’è l‘ipotesi di non considerare i piccoli comuni nel fondo compensativo, forfettizando loro i flussi”, spiega Tremonti.

“Lo schema del federalismo municipale lo abbiamo scritto nella relazione presentata dal governo al Parlamento. In quello schema ci sono due ipotesi. La fase uno prevede la devoluzione ai comuni del gettito che insiste sugli immobili. Poi, c’è anche la fase due, che pensiamo di articolare nel tempo e che prevede di semplificare e unificare tutti i tributi o in un solo tributo o in pochi tributi”, ha ribadito Tremonti.

Ancora da definire, invece, il federalismo per province e comuni.

“La questione delle province è di risoluzione abbastanza semplice. Sulle Regioni invece ci sarà da discutere per non fare sbagli”, continua Tremonti.

Il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli ha spiegato che dovrebbe vedere la luce “entro l‘estate” il decreto per la definizione dei costi standard.

Finora governo e Parlamento hanno varato solo un decreto attuativo sul federalismo fiscale, quello che attribuisce i beni del demanio agli enti locali. Oggi il Consiglio dei ministri ha varato il secondo decreto, sulla definizione dei fabbisogni standard, che ora andrà all‘esame del Parlamento prima di tornare in Cdm per il via libera definitivo.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below