8 luglio 2010 / 09:07 / tra 7 anni

Assicurazioni, stima raccolta premi 2010 a 124 mld, +5,5%

ROMA (Reuters) - La raccolta dei premi delle assicurazioni italiane che operano nei rami danni e vita nel corso del 2010 è prevista arrivare a 124 miliardi di euro in crescita del 5,5% sul 2009. Lo si legge nel rapporto 2009-2010 sul settore presentato oggi dall‘Ania, associazione che rappresenta le imprese di assicurazione italiane.

In particolare grazie alla “pur lenta e molto graduale” ripresa economica, si vedrà un incremento dei premi del settore rc auto, che già nel primo trimestre ha visto un aumento dell‘1,5%. Per il 2010 la previsione è di un aumento del volume dei premi complessivo del 3-4% sul 2009 dopo il calo dell‘8% registrato nei tre anni tra il 2007 e il 2009. In termini assoluti Ania stima una raccolta 2010 a 17,641 miliardi dai 16,963 miliardi 2009.

“Gli adeguamenti resi necessari dall’innalzamento del massimale minimo di garanzia obbligatorio (entrato in vigore nel dicembre 2009) e la necessità di riportare in equilibrio i conti tecnici fanno prevedere un aumento del volume complessivo dei premi per il 2010 di circa il 3%-4% rispetto al 2009”, si legge nel rapporto.

In generale il settore danni è previsto in crescita con una raccolta a 37,4 miliardi, pari al +2,1% dai 36,7 miliardi del 2009. In particolare, secondo le previsioni del rapporto Ania, dovrebbe “diminuire la raccolta premi per il ramo corpi veicoli terrestri (-1,0%), a causa di una prevedibile contrazione della vendita di nuove vetture che determinerebbe il deprezzamento di valore del parco assicurato. Il volume premi del settore property (incendio e altri danni ai beni) e della r.c. generale dovrebbe risultare sostanzialmente invariato. Una leggera crescita si dovrebbe registrare, invece, per i rami infortuni e malattia”.

L’incidenza rispetto al Pil aumenterebbe solo lievemente, passando dal 2,41% nel 2009 al 2,44% nel 2010.

FRENA SETTORE VITA DOPO BOOM PREMI 2009

La raccolta premi nel settore vita, dopo la fortissima espansione osservata nel 2009 per i premi contabilizzati (+48,7%), “rallenterà in misura significativa nell’anno in corso”.

La previsione per il 2010 è di una raccolta premi a 87 miliardi di euro, in aumento del 7,4% dagli 81 miliardi del 2009.

“Nei primi cinque mesi del 2010 la nuova produzione vita ha sfiorato i 32 miliardi, contro i 22 miliardi del 2009. Già da aprile si nota però un significativo rallentamento del ritmo di sviluppo. In particolare, la nuova produzione dei prodotti di ramo I è aumentata del 26% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente, mentre alla fine di marzo il tasso di crescita del trimestre era pari al 60%”, si legge nel rapporto.

Risulta invece in forte crescita la nuova produzione dei prodotti di ramo III-linked che “si è invece triplicata nei primi cinque mesi del 2010, rispetto ai valori bassissimi registrati nel corrispondente periodo dell’anno precedente”.

Ania quindi stima nel rapporto che possa esserci un aumento dei volumi dei premi del comparto vita del 7% nel 2010 basandosi sull‘ipotesi che “nella seconda metà del 2010 diminuisca la volatilità dei mercati finanziari e che aumenti - sia pure in misura contenuta - la propensione al rischio dei risparmiatori”.

In particolare, si potrebbe registrare a fine 2010, si legge nel rapporto, “una contrazione dei premi delle polizze di ramo I (di tipo tradizionale) nell’ordine del 5% mentre potrebbero raddoppiare rispetto al 2009 i premi relativi ai prodotti assicurativo finanziari (polizze linked)”.

L’incidenza della raccolta di questo comparto rispetto al PIL aumenterebbe, passando dal 5,33% nel 2009 al 5,65% nel 2010.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below