6 luglio 2010 / 09:42 / tra 7 anni

Pomigliano, Angeletti: no a proposta Fiom di riaprire trattativa

ROMA (Reuters) - Il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, è contrario alla proposta della Fiom di riaprire la trattativa con Fiat sullo stabilimento di Pomigliano D‘Arco dopo l‘esito non plebiscitario del referendum del 21 giugno sulla ristrutturazione del sito.

<p>Due operai Fiat al lavoro in uno stabilimento della casa automobilistica. REUTERS/Ivan Milutinovic</p>

“Abbiamo fatto un accordo che ha avuto l‘approvazione della maggior parte dei lavoratori. Fiom diceva che dobbiamo fare il referendum e l‘abbiamo fatto, chi ha vinto si sa. Riaprire la trattativa sulla base di cosa? Perché riaprire uan trattativa anche quando si vince?”, risponde infatti Angeletti a chi gli chiede se sia accettabile la proposta dei metalmeccanici Cgil, che non hanno siglato l‘accordo, di riaprire il tavolo dopo l‘esito referendum che ha registrato una percentuale di voti favorevoli poco sopra il 60%.

Cisl, Uil, Fismic e Ugl, che hanno sottoscritto l‘accordo con il Lingotto per portare la produzione della Nuova Panda dalla Polonia al sito partenopeo, aspettano dal 21 giugno una convocazione da parte di Fiat per capire come finalizzare l‘intesa.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below