6 luglio 2010 / 09:37 / tra 7 anni

Tv, Agcom: cresce peso pay, cala pubblicità tra fonti ricavi

ROMA (Reuters) - I ricavi del settore televisivo in Italia sono cresciuti nel 2009 dell‘1,7% sul 2008 mostrando un aumento del peso degli introiti da pay tv e un calo di quelli da pubblicità, con una riduzione della forbice tra queste due fonti di ricavi. Lo ha detto Corrado Calabrò, presidente dell‘Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, nella sua relazione annuale letta alla Camera.

“I ricavi del comparto televisivo si mantengono consistenti, segnando un incremento dell’1,7% rispetto al 2008. I ricavi complessivi da pay-tv (in crescita) e da pubblicità (in discesa) si sono ulteriormente avvicinati”, ha detto Calabrò.

Nel 2009 per il settore i ricavi da pubblicità sono stati pari a 3,541 miliardi (-9,3%) e quelli da pay tv pari a 2,875 miliardi (+7,4%).

“Lo spostamento delle risorse pubblicitarie dalla TV tradizionale ad internet non è stato della stessa portata che in altri Paesi”, osserva anche il presidente dell‘Agcom.

Il settore televisivo italiano si conferma tripolare nella ripartizione delle risorse: Rai e Sky (ciascuna con 2,7 miliardi di ricavi), Mediaset (2,5 miliardi al netto di una quota delle partecipate), mentre “gli altri operatori minori e le TV locali faticano a trovare spazi concorrenziali”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below