18 giugno 2010 / 11:38 / tra 7 anni

Borsa Milano annulla guadgani, cede energia, bene Mps e Unipol

MILANO (Reuters) - Al termine di una mattinata vissuta in terreno positivo, Piazza Affari inverte direzione ma poi torna sulla parità seguendo l‘analogo andamento delle borse europee e l‘andamento senza variazioni di rilievo dei futures sugli indici di Wall Street.

<p>Un uomo fuori dalla Borsa di Milano. REUTERS/Stefano Rellandini ( ITALY )</p>

Aumentano le perdite i titoli energetici e qualche industriale, mentre il fronte dei titoli migliori conferma i temi della mattinata, come Unipol, Fiat e bancari, che però limano i guadagni.

“E’ stata una mattinata particolare e di difficile interpretazione per via delle scadenze tecniche, anche se a livello di indice non vedo grandi movimenti”, commenta un trader.

“In generale penso che in questo momento valga la pena restare leggeri sull‘azionario. Ci siamo ripresi dopo la forte discesa e ora siamo all‘incirca sulla parità. Tuttavia non si capisce ancora quale direzione prenderà il mercato. Vedremo la prossima settimana per capire se si consolida al rialzo”, aggiunge.

Alle 13,15 l‘indice FTSE Mib è invariato, e l‘AllShare cede un frazionale 0,04%, mentre il MidCap, che alla chiusura di stasera subirà delle modifiche nella sua composizione, sale dello 0,23%. Volumi per 2 miliardi di euro.

* ENI, TERNA, SNAM e ENEL sono tra gli energetici più negativi con perdite tra lo 0,5% e l‘1%. Nel comparto industriale ANSALDO perde il 2%, secondo un trader su realizzi dopo i guadagni di ieri, così come ATLTANIA.

* GENERALI cede l‘1,7% con un andamento opposto all‘altro titolo assicurativo UNIPOL al centro di acquisti (+2,2%) dopo l‘annuncio dele condizioni dell‘aumento di capitale che offre uno sconto del 35% sul prezzo di ieri.

* Prosegue positiva la seduta di tutti i bancari europei dopo che ieri i leader dei paesi dell‘Unione Europea hanno espresso parere positivo per la pubblicazione dei risultati degli stress test sulle banche condotti dal comitato europeo delle authority, allo scopo di ripristinare la fiducia del mercato. Sul tema il governatore della Banca d‘Italia, Mario Draghi, ha detto stamani che gli istituti italiani sono in buone condizioni e hanno tutto da guadagnare dalla pubblicazione dei risultati dei test.

Tra i singoli titoli i più gettonati, con guadagni del 2% circa, sono MPS e POP MILANO seguite da INTESA SANPAOLO, UBI e MEDIOBANCA che salgono dell‘1% circa.

* Tonica FIAT che sale dell‘1,4% in linea al comparto auto europeo che beneficia dei risultati positivi annunciati da Porsche.

* SAIPEM avanza di un punto percentuale il giorno dopo l‘annuncio, formalizzato oggi dal gruppo, di un contratto onshore da 900 milioni di dollari in Kuwait e grazie anche a Morgan Stanley che ha portato il prezzo obiettivo sul titolo a 35 da 34 euro, mantenendo la raccomandazione di “outperform”.

* Guadagni nel lusso con BULGARI a +2%, mentre più indietro è in leggero rialzo LUXOTTICA (+0,2%) dopo che l‘AD Andrea Guerra ha detto che la società punta a raddoppiare il fatturato nei mercati emergenti nel giro di tre anni.

* Stabile IMPREGILO dopo la pronuncia favorevole della Cassazione sulla vicenda dei rifiuti in Campania, notizia positiva ma già cavalcata ieri sulle attese.

* Tra i titoli minori da segnbalare il balzo di oltre l‘8% di DAMIANI che conferma il recupero avviao ieri dopo le recenti perdite.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below